venerdì 13 aprile 2012

Un po' di orgoglio rossonero

Oggi siamo su Milan7, riportiamo qui l'articolo, comunque il nostro è quasi superfluo in un numero giornalisticamente valido. Abbiamo risposto alla richiesta di Gigi di mettere insieme un numero che risollevasse il morale della truppa!
 
Quando si da tutto va benissimo!
 
La squadra in emergenza e la richiesta di attributi
 
 
La palla è rotonda, eppure non è uguale per tutti.
Lo sa benissimo il Milan che, mai come in questo periodo, non solo deve rispondere alle angherie arbitrali di bertiniana memoria, ma anche, se non soprattutto, alla sfortuna che decima costantemente la rosa.
Può capitare di avere una partita no, probabilmente scarichi dopo la "gita" a Barcellona, ma l'importante è ritrovare la strada.
Sappiamo benissimo che non si può sempre vincere, ma è altrettanto vero che sappiamo benissimo che se ci mettiamo il cuore questa squadra non ha limiti.
La partita di Verona ha dimostrato, di fatto, che siamo ancora vivi e che sappiamo alzarci, reagendo con quell'orgoglio che appartiene alla nostra maglia.
Quell'orgoglio che leggiamo negli occhi dei tifosi, ma anche in quelli di Briciola che salva il risultato, o in quelli spauriti di De Sciglio che alla fine trova il coraggio di spiegare le ali.
Quell'orgoglio nelle parole di Clarenzio nel fine partita di Barcellona, negli occhi iniettati di rabbia di Ibra, nelle strigliate di Sandrone.
Quell'orgoglio nei polmoni di Ringhio, nelle chiusure di Bonera, nel dinamismo di Capitan Ambro.
Quell'orgoglio imperiale di Thiagone, nelle folate di Nini o Abate, nelle urla di Zio Fester.
Dimentichiamo molti, ma non ce ne vogliano: chi indossa la maglia del Milan ha ben presente quello di cui parliamo (Sulley ne è la prova vivente).
Possiamo anche perdere, come è successo due volte in una settimana, ma sempre con dignità, certi di aver dato tutto in campo come è accaduto a Verona.
Acciuga, mister dalle mille risorse, si sta rendendo conto solo ora, nel momento delle prime vere difficoltà della sua gestione, cosa significhi appartenere al Milan, alla società e ai tifosi.
Il Milan è qualcosa di più che una squadra (concedeteci il furto, ma dopo quello che hanno fatto nei nostri confronti non è sicuramente un risarcimento), non è una ragione di vita perché la vita è molto di più, ma è una fonte inesauribile passione.
E' il sale della vita, quella nota di colore, quel gusto particolare: è il Milan!
E noi siamo orgogliosi di appartenere a questa squadra!
 
Critica Rossonera, il blog del Milan! (http://criticarossonera.blogspot.com)
 

Nessun commento:

Posta un commento

Abbiamo riaperto i commenti!
Attenzione: chi scrive commenti è automaticamente tracciato dal sistema (informazioni non a disposizione dei curatori) ed è quindi totalmente responsabile di quanto scrive.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails