Pressappoco

// 87 commenti
Oggi si leggono le ricostruzioni della vicenda closing, tutte molto fantasiose.
La cosa è una sola: il capitale in Cina c'è, quindi è stato semplicemente trovato un partner che possa prendere quella cifra e convertirla in luoghi in cui si possa tradurre in liquidi per pagare Fininvest.
Si può millantare sui giornale tutto quello che si vuole, ma non esiste un prestito sul nulla dando in pegno i soldi dell'azienda che si compra: non è un mutuo!

87 commenti:

  1. mah, a parte che il capitale se c'è non si trova in Cina, ma ricevere prestiti dando in pegno le quote/azioni della società target è cosa frequente, caro il mio bel Critica.

    RispondiElimina
  2. il titolo dell'argomento mi pare alquanto infelice.....caro il mio bel Critica
    #appostocosì

    RispondiElimina
  3. certo che Critica mi sta facendo quasi vergognare di scrivere qua dentro
    non comprendo se ci è o ci fa

    che sparacazzate
    Marcellina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a volte ci è a volte ci fa a volte un misto d'esserci e farci, d'esserci e non esserci e farci non farci. è lo sporco lavoro di gestire un blog.

      Elimina
    2. In a November 2014 investment letter, Elliott described optimism about U.S. growth as unwarranted. "Nobody can predict how long governments can get away with fake growth, fake money, fake jobs, fake financial stability, fake inflation numbers and fake income growth," Elliott wrote. "When confidence is lost, that loss can be severe, sudden and simultaneous across a number of markets and sectors."[19]
      l'ho messo per i 'fake'. se nella faccenda milan yongongo eccetera c'è del fake ebbene siamo in buona compagnia.
      chissà in che cazzo di mondo si credono di vivere certi benpensanti fraticelli.

      Elimina
    3. chiediti piuttosto come mai Singer guadagna 4 miliardi dollari e rotti sui bond argentini
      e dona un milioni di dollari alla agenda Gay in usa

      Elimina
    4. http://www.gregpalast.com/the-vulture-chewing-argentinas-living-corpse/

      Elimina
  4. Che non possa essere un mutuo è certo.
    Come è certo che Fassone non c'entra un cazzo con la vicenda!

    RispondiElimina
  5. paragonare come molti fanno il nostro caso a quello di thoir non mi pare giusto.
    thoir al moratti gli sputò in mano e fu tutto. il moratti ne fu strafelice dovendo liberarsi del fardello blunero alla velocità della luce e senza guardare neanche un secondo dove lo buttava.
    poi thoir cacciò un prestito, andando mi figuro in prestito a sua volta.
    se quello che ricordo è giusto e vero il patrimonio visibile di yongongo è 600m, più o meno quello che sarebbe il patrimonio di thoir, anzi di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. adesso mi tocca anche leggere che la storia non conta niente e non fa bisnis. cioè la storia (brand) rossonera non fa prezzo eccetera.
      senza storia non esiste niente.
      tu sei la tua storia.
      per chi una storia non ce l'ha o ce l'ha miserabile certo che la Storia non vale niente.

      Elimina
    2. Il Problema è che non basta per mandare avanti una società come il Milan...
      E la famigerata cordata non c è mai stata, lui probabile ha tentato ma tutti lo hanno perculato perché un miliardo è una valtuTazione esagerata.

      Scusa anonimo
      600 servono per l acquisto del 99.93% del Milan..
      E gli 80 della perdita
      I 220/240 di debiti con le banche
      La rivalutazione del Milan x 350 mil in 3 anni
      Il mercato chi lo fa?!?!?
      Chi paga la gestione 2017 ?!?!?! E la sicura perdita!?!?

      Thoir ha pagato meno di 300 compreso di debiti !
      e presto' all Inter 80 milioni dei suoi al 7% ...
      Qua si parla di 1 miliardo

      Elimina
    3. thoir non ha pagato un bel niente. poi prestò, secondo me prendendoli a sua volta in prestito. tu lo neghi? e io l'affermo e confermo: niente, o non più di uno sputo in mano al moratti. i conti in tasca agli altri io li faccio così, come mi pare e mi sembra di capire a me. tu invece?
      il fatto che qui si parli di molti più soldi, a quanto pare veri e non fake può essere una prova, può essere, della serietà dell'operazione e di chi c'è coinvolto.

      Elimina
    4. una cosa devo dire. che il venditore possa impegnare il compratore a spendere poi una somma tale, nel nostro caso i famosi 350m, io non l'ho mai presa sul serio e anzi ci ho sempre girato intorno e fatto finta di niente. il perchè mi sembra chiaro. una scemenza che mi faceva cascare le braccia e perdere quel po' di fede nel buon fine di tutta la storia. l'ho sempre considerata una cazzatella accessoria escogitata lì per lì dal vecchio, senza nessuna importanza.

      Elimina
    5. discorso debiti. i debiti dell'inter? e del manu, del liverpool, del real, del barca, del milan e di tutti quanti, li paga chi? lo so io chi, e non devi andare molto lontano e complicato per cercare questo Chi. guardati a te, che io mi guardo a me. ognuno di noi, i piccoli e ultimi della Terra, guardi non più in là della propria ombra e avrà la risposta.

      Elimina
    6. quando scrissi la stessa cosa sulle banche del real madrid, e sui debiti
      venni tacciato di gombloddismo

      Marcellina

      Elimina
    7. Anonimo vai ot che non te ne rendi neanche conto, il fatto dei 300 era per dirti che la vendita a thoir, se poi ha pagato lui o suning fotte sega,la.valutazione dell inter è stata di un terzo di quella del Milan.
      E tu dopo,
      Dopo 4 rinvii 2 caparre e 2 mini caparre tu ancora parli di serieta' di questa faccenda.....

      Ora, Capisco come mai in Italia un politico rimane in vita,politicamente parlando, per sempre.

      Chapeu berlusca allora fai bene

      Elimina
  6. Critica, i Glazer hanno comprato lo United scaricando il debito sulla società stessa.
    Fai la brava su.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma chissà di chi è il manu, e la roma? e il real, il barcellona, sono dei tifosi? ma che ridere.
      fake, fake, fake, e fake.

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Caro Leo

    il tifoso medio non lo vuole sapere
    non gli frega un cazzo
    vuole solo i campioni

    etc etc
    io invece ti ringrazio perche' aiuti alla comprensione
    i pochi, che vogliono mettersi in discussione

    Marcellina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marcellina , l'ho eliminato ,il Non per quello che dice il tipo, che condivido, ma perché non mi sembrava giusto postare il commento di altri , per giunta di altro forum.
      Vi segnalo il forum e l 'utente, chi vuol leggerlo ...

      ...http://acmilanforum.blogfree.net/m/...

      commento di Povero cristo milanista.

      Elimina
    2. http://acmilanforum.blogfree.net

      Alla pagina 1289 della discussione "cessione societaria, in attesa del closing"

      Elimina
  9. scavo, scavo non vorrei ma scavo. cunicoli e pozzi scavo verso dove? lo so, lo sento, che scavo. sento il terriccio scavato che s'ammucchia nel buio mentre lo scavo procede a insaputa mia.
    scavo abissi.
    silvio, tu poesia facesti. alta e bella, l'unica che sia tale: poesia. e musica quasi, di quella rara privilegiata. poche linee e poche note nel gran frastuono orribile insensato ma che Dio ascolta e se ne stupisce. lo stupore di Dio. può esserci qualcosa di più prezioso e raro, salvifico forse?
    silvio, silvio!
    marina, donnetta poveretta. c'è più musica di quella e poesia in certi milan del tu' babbo che in tutti i tomi classici del cazzo che in pompa magna e cartone telato di lusso stampi e ristampi (che 2palle) tu.

    RispondiElimina
  10. Ma chi è il fesso che cura questo blog? uno che manco riesce a capire il concetto di LBO e continua a favoleggiare dei tesori che dovrebbero arrivare dalla Cina e su cui Elliott conterebbe (come che Elliott possa basare i propri piani finanziari sui misteri della politica cinese e i colpi di testa o i cambi di opinione di qualche alto papavero cinese). Semplicemente qui c'erano 180 M che mancavano per completare il pagamento del corrispettivo e sono stati prestati da Elliott, che inoltre fornisce altra liquidità ovviamente a tassi molto più bassi per un normale rifinanziamento del debito esistente del Milan, con aggiunta di maggiore liquidità per le esigenze del 2017, come sempre si fa in questi casi. La capienza esiste malgrado il Milan sia lontano dalla consistenza che aveva il MU nel 2005 perché qui la leva è molto più bassa, visto che 300 M sono stati messi di tasca da Yong (la leva era più alta nel caso del MU visto che Glazer mise di tasca solo circa 270 se ricordo bene M su 830 (tutto in sterline). L'operazione Milan era in parte a debito anche prima, infatti una banca cinese si è tirata indietro prima di firmare l'impegno vincolante e sono venuti meno i famosi 180 M. Che poi Yong abbia in mano qualcosina in termini di contratti di sponsorizzazione di derivazione asiatica e magari fra qualche anno quando scade il prestito Elliott speri di rifinanziarlo a condizioni migliori con altro partner magari cinese (Glazer ha sempre fatto così, per restituire a scadenza si va da altri a chiedere altri prestiti, e si vocifera che anche Suning farà così nel 2019 quando scade il prestito Goldman), lo posso credere e anzi lo spero, ma niente di clamoroso. In definitiva il consiglio che posso dare è quello di non rimanere delusi se il mercato non sarà faraonico, non lo sarà, si spera almeno che sia intelligente. Obbiettivo vitale il 4° posto.

    I 220 M sono una mezza bufala raccontata per sbandierare un valore d'impresa superiore, l'ultimo bilancio pubblicato esponeva una posizione netta in rosso di 188 M, di cui solo 50 M di debito bancario che non mi meraviglierei che sia stato già estinto del tutto da Fininvest in vista della cessione, il resto erano anticipazioni su cessione di crediti futuri - debito in senso formale e quindi per modo dire, visto che è tutta roba che puoi rollare in avanti senza problemi, società di factoring che sono disposte a guadagnare un interesse per anticiparti entrate future che derivano da crediti presso debitori solvibilissimi e sicuri come Sky Adidas e Emirates le trovi sempre con facilità. Non fasciamoci la testa prima di cominciare giunti a questo punto, il tasso per il Milan è inferiore a quello dei prestiti socio fatti da Suning all'Inter, il problema è sicuramente il tasso 11,5% che grava sui 180 del LBO a livello di Rossoneri LUX, su cui sicuramente ci sarà un pegno di azioni a favore di Elliott, ma è possibile che sia bullet, o meglio ancora a capitalizzazione totale, e quindi che Yong debba pagare nel primo caso solo gli interessi senza cominciare subito a restituire frazioni del capitale che andrebbe ridato solo alla fine, oppure, nel secondo caso che ho detto, non debba pagare neppure gli interessi anno per anno, ma tutto, capitale e interessi solo alla fine - con lo svantaggio del calcolo degli interessi composti, però. Non spaventatevi se verrà fuori che il prestito fatto direttamente al Milan (73+50) sarà garantito dalla segregazione dei flussi di cassa relativi ai ricavi commerciali e televisivi, fanno tutti così, la Roma per esempio, ma anche l'Inter di Suning, che non ha affatto estinto il debito pregresso nei confronti di Goldman che ammonta a più di 200 M garantito da pegni vari, ha solo estinto quello verso Thohir. Detto questo, è ovvio che avrei preferito qualcosa di diverso e che questa operazione è molto rischiosa, ma spero che non ci siano ostilità preconcette, giudichiamoli dalla loro opera.


    Rob

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rob sei il primo in assoluto che ha capito l'operazione compresi giornalisti e vari presunti espertoni da social network
      complimentoni rob

      Elimina
  11. Ah dimenticavo, Marcellina parli di tifoso medio perchè tu invece saresti il tifoso illuminato? non ci fare ridere dai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non parlo di calcio con te.non ti basterebbero tutti i tuoi risparmi
      per un 'ora di lezione
      puttanella
      La Cugina

      Elimina
  12. G. Paltrow da lezioni di sesso anale, a noi ce li può dare la Sandrona.......

    RispondiElimina
  13. aoh Hikkese ma che ciai' a capoccia pe sparti' e recchie?

    RispondiElimina
  14. Ciao Leo, ciao marcellina,
    Ho letto il post ... io rimango sempre della mia idea, non possiamo paragonare il Milan al man u (STADIO DIRITTI TV FATTURATO) Sono 2 realtà differenti.
    Il rischio con il Milan è esponenzialmente altissimo, senza stadio e con il nostro fatturato.
    Nessun sano di mente, almeno io non lo farei mai, butta liquidità (oggi il bene più prezioso) in un affare così...
    Se fossi invece Berlusconi, che ricordiamolo deve sganciare 500 mil lodo mondadori, e non potendo svalutare il Milan , per come è inserito a bilancio in Fininvest, rischiando di pagare la differenza, inscenare la vendita.
    Sicuramente Li ha cercato, ma con un rischio così alto la gente gli ha riso in faccia.
    Secondo me anche le caparre sono organizzate, per saltare le sessioni di mercato, che avrebbero palesato la verità.
    Son anche convinto che voglia o cmq era nelle sue intenzioni, guadagnarci 2 volte con la quotazione in borsa cinese, poi come sappiamo il governo si è messo di traverso.
    Condiamo il tutto con una stampa consenziente e compiacente e siamo ad oggi.
    Finito il giochino della scissione del Milan Da finivest, ci sarà la vera vendita anzi svendita ...

    Per me non è fantascienza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sorge spontaneo un dubbio atroce: a chi ha giovato il continuo depauperamento a carico del nostro amato Milan perpetrato dal duo malefico?
      Sì certo il nano l'ha usato come bancomat. Ma non solo...
      E se il gobbo avesse intenzione di fare un acquisto a prezzo di saldo?
      Conosco già le vostre obiezioni: e Mr. Lì? e Elliot?
      Beh i contratti preliminari, con relative caparre e garanzie, si possono anche cedere a terzi... O no?
      Poldino

      Elimina
    2. La leva è molto più bassa però, i discorsi sugli scorpori erano validi quando non si sapeva che Yong avesse un patrimonio più che rispettabile.

      Elimina
    3. Ciao Ce La, il tipo del post paragona il modello di acquisizione del milan a quello del man utd, e cioè in quasi tutta la sua totalità a debito.

      Hai letto poi tutti i suoi commenti seguenti? Conviene dargli un occhiata. Comunque non si differenzia molto da quel che dice Rob più sotto. Anche se il tipo , (Povero cristo milanista, Nick azzeccato. .ahahah) mi sembra molto più pessimista.

      Elimina
    4. Si però se il milan è valutato, esempio 700 mil a bilancio di finivest, devono entrare 700 mil ... per non creare minusvalenze (è chiaro che il valore è alto sarà servito a finivest,inserirlo cosi').
      Questo ha contribuito alla "Invendibilita'" del prodotto Milan, da qui il rientro .... ecc ecc

      Elimina
    5. Ciao Leo, rispondevo all anonimo sopra ...

      Elimina
    6. Mah...se l'operazione è come la descrive lui, il "rientro" è un'ipotesi remota. A me sembra abbastanza sicuro nello spiegare le cose. ..poi magari non è così, ma da quello che si sa, mi sembra tuttmolto reale, purtroppo.

      Elimina
    7. Boh.... scusa Ce La , si è creato un casino tra post, risposte e controrisposte.....ho perso la bussola. ....io che rispondo a te , che invece stavi rispondendo ad un 'altro. .................sto cazzo di closing me sta cocendo il cervello ah ah ah ah

      meglio staccare la spina. .

      Elimina
  15. Se ci fossero i fantomatici garanti occulti (su chi siano poi chi li immagina non si trova mai d'accordo, Berlusconi, il Papa, il fantasma formaggino, Kublay Khan monarca di tutte le Cine) gli interessi sarebbero più bassi sui 180 M e non ci sarebbe stato bisogno di rivolgersi a Elliott bastava un consorzio di banche qualsiasi.

    PS
    Dite a Intrieri di smettere di raccontare balle tipo: il MU è di proprietà di un "fondo schermato", chi sono i titolari della LP basata in Nevada che controlla la catena del MU lo sanno anche i muri, ci sono tanto di comunicazioni ufficiali alla borsa di NY visto che si tratta di gruppo quotato, e comunque la UEFA vuole sapere chi sono i proprietari effettivi e quindi spero che la leggenda non si trascini nel tempo, e non diventi come quella dei coccodrilli nelle fogne di NY, e questo lo dico anche agli ottimisti che ancora si scassano le meningi con "i colossi che si nascondono dietro Yong". Facciamolo finita per favore in un senso e nell'altro.

    RispondiElimina
  16. Io non ho escluso ipotesi di scorpori occulti, e me ne pento, quando il contesto era meno chiaro e non c'erano player occidentali di questa portata e di questa tipologia. Che non si presterebbero mai a questi giochini. In base al valore della Roma che è ridicolo rispetto al nostro in termini di brand (non ha uno sponsor di maglia perché le offerte vengono rifiutate in quanto ritenute umilianti da Pallotta) come è possibile che Goldman abbia prestato 175 M? chi c'è dietro Pallotta, Trump, Obama? :-)

    Rob

    RispondiElimina
  17. Non posso pensare che dietro tutto questo ci sia sempre stata solo l'attuale proprietà, per cosa poi...pulire qualche centinaio di milioni per poi perderne in media 70 all'anno visto che l'attuale gestione non riesce a fare altro pur con mercati ridicoli, per poi non accedere all'Europa (sicuramente non quella che conta) con giuovani italiani provenienti dal settore giovanile, vedendo così progressivamente ridursi il valore del brand, delle sponsorizzazioni (a medio/lungo termine sarebbe così) e dei ricavi in genere.
    Sarebbe un'operazione demenziale. Lo stesso Li se non troverà le risorse per rilanciare il Milan anche dal punto di vista dei risultati sportivi, non potrà che rivendere ad altri, a meno che non abbia un piano di commercializzazioni rivolte al mercato asiatico, tale da produrre ricavi ben più alti degli attuali.
    Per me i cinesi c'erano. Ora c'è questo Li che potrebbe durare il tempo per realizzare un profitto, o tentare di farlo.
    Il mercato credo anch'io (a questo punto) che non sarà certo faraonico, come non lo era quello dei bluneri prima dell'avvento di Suning.

    RispondiElimina
  18. Vorrei dire che se non rischi non rosichi, in tempi di tassi basici negativi, chi non è avverso al rischio pur di agguantare alte remunerazioni è disposto a rischiare molto, specie se non ha i lacci della regolamentazione bancaria che glielo impediscono come appunto un fondo speculativo che non ha regole prudenziali che lo governano dall'esterno. Aggiungo che gli sproloqui di Campopiano sulla perdurante centralità cinese sono ridicoli.

    Rob

    RispondiElimina
  19. Da un po' di giorni noto molti esperti in finanza sul blog.
    A Milano vige un proverbio " Ofelè fà el to mestè". (ognuno faccia il suo mestiere..)
    Spero accada anche qua, perchè leggo una caterva di castronerie.
    Crisalide 84

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quali sarebbero le castronerie, illuminaci macchietta.

      Elimina
  20. Il prestito al Milan è sicuro, i 180 per la LBO a Lux sono un pavimento valido nel caso di crisi, volete che Elliott non rivenda il Milan almeno a 200 di equity anche le cose andassero male? Io vedo un rischio calcolato, piuttosto alto ma calcolato e tale da farti avere un interesse alto che di questi tempi è una gran cosa con uno strumento che rimane debito e quindi è comunque meno rischioso per natura dell'equity, anche investita in altri settori. Yong invece rischia tutto essendo subordinato a Elliott. Potrò sembrare incoerente ma finalmente ho scorto prassi che conosco e non vedo più niente di anomalo e il ruolo di Agostinelli è una garanzia.

    Rob

    RispondiElimina
  21. Effettivamente Crisalide non ha tutti i torti, troppi saputoni qua dentro.........
    Fausto il banchiere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Illuminati, noi "poveri scemi" ascoltiamo gli espertoni proprio per capirci qualcosa di più rispetto a quello che ci propinano i giornalai con le loro "fonti vicine alla trattativa" ...se quindi tu sai qualcosa in più dei "saputoni" ....siamo tutte orecchie. ..

      Elimina
    2. Grande Leo, ruggisci Ahahahahhahahh

      Elimina
  22. A costo di essere ripetitivo, mi aspetto un mercato "medio" e se l'anno prossimo non arriviamo 4° mi aspetto tagli draconiani. Ma sul punto dell'autenticità dell'operazione non vedo come possa essere finta. Elliott ha una fama particolare perché da un lato è odiato legittimamente dai chi detesta la finanza speculativa perché tende ad comprare debito in default e a lottare per ottenere con ogni mezzo il pagamento integrale anche quando si tratta di debito sovrano (con i bond argentini ha fatto bingo guadagnando uno sproposito, per le ire di molti), ma spesso si trova ad avere un interesse a difendere la trasparenza nel mondo del business, in quanto azionista di minoranza, e quindi molti piccoli risparmiatori lo rispettano molto. La cosa è successa clamorosamente con il caso STS, e la lotta contro Finmeccanica e Hitachi che di fatto hanno buggerato gli azionisti di minoranza sottovalutando STS ficcandola in un pacchetto di vendita complessivo con Breda che era in perdita. Sono arrivati a promuovere anche un sito web per lo scopo, oltre a tutte le azioni ufficiali intraprese, e questi si venderebbero la reputazione nel mondo finanziario per la Fininvest? Ma dai.

    Rob

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse Rob,
      Sono io che non capisco, come faccia un essere umano a rischiare tutto quello che ha, per una società "ipervalutata" come da bilancio finivest, perennemente in perdita e senza stadio, con costi di gestione da squadra di prima fascia....
      Con la possibilità concreta l anno prossimo di non arrivare in champions ?!?!
      Perché scusa Rob, non basta un mercato "medio" .... e lo sai..
      e con una perdita sicura anche nel 2017 ....
      A sperare di guadagnarci nel breve periodo...
      Io rimango molto scettico..

      Vedi se il valore del Milan era simil thoir e lui Li, vale 600 mil il rischio lo valuto personalmente alto, ma accettabile, ma partendo da una base d'asta elevatissima ,cosa fa cede i pezzi pregiati !?!?



      Elimina
    2. Bravo Rob hai focolizzato tutto

      Elimina
  23. Buongiorno a tutti, da profano, le parole di Rob mi rendono meno preoccupato, x carità, ammetto di non aver capito alla perfezione la sua accurata analisi, ma il fatto che non sia catastrofista e che si limita a constatare che l' operazione è rischiosa ma non è la barzelletta che molti (me compreso) sostenevano, mi tranquillizzano un po'.
    Aspetto l'evolversi della situazione, come si muoveranno sul mercato e poi giudicherò.....Grazie mille x aver fatto chiarezza Rob !

    Ps Caro Vale, un saluto speciale anche a te!

    RispondiElimina
  24. Ringrazio Rob per aver tradotto in termini reali quelle che erano le mie opinioni desunte da esperienza razionale. Non so se mi sono spiegato, ma così è.
    Ora aspetto il 14.
    Poi voglio vedere i primi passi: considero il rinnovo di Gigio ovvio, non perchè resterà a vita ma perchè anche se uno lo volesse vendere (Raiola) avrebbe bisogno di massimizzarne il valore con un bel contrattone ed eventuale maxi clausola con provvigione al procuratore. Quindi resterà almeno quest'anno in ogni caso.
    Se ci saranno veramente almeno 50 milioni per il mercato significherà, con qualche aiutino (cessioni, prestiti con diritto, prestiti con obbligo, ecc..) potere fare mercato per 100 120 ovvero rinforzerà in maniera consistente la squadra e puntare alla Champions con grandi possibilità. Stiamo a vedere

    RispondiElimina
  25. Ma scusate, occhiello di privilegio per il Milan come fosse antani anche per due, o soltanto tarapia tapioco e fuochi fatui? Che poi, in senso anafestico, tira via la confrtaternita in qualità di vice sindaco. O come antifurto per la cofandina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ora sì che ho capito!
      Sgrunt

      Elimina
  26. Qualcuno mi potrebbe spiegare perche' la moglie di comotto Marianna Mecacci, che doveva entrare al Milan con fassone, e che gli ha curato i rapporti commerciali da mesi ..non ha visto un euro, ed è stata mollata, come auro Palomba di Community che gli faceva da cassa di risonanza ...non pagato manco lui...

    Marcellina

    RispondiElimina
  27. Complimenti a Rob ha messo in chiaro tutta l'operazione!!

    RispondiElimina
  28. qualcuno di voi può leggere questo articolo, io non sono registrata

    Agostinelli mette in rete il finanziamento dell'operazione Milan
    http://www.legalcommunity.it/agostinelli-mette-rete-il-finanziamento-delloperazione-milan

    Agostinelli secondo l'articolo della Ravelli di questa mattina è dentro l'operazione milan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Fassone, non paga i collaboratori ma trova
      un eb..o( si puo' dire??? lo è...caso strano...) che strozzina paesi in difficolta'!!

      Ora, mi vien da ridere sentire le opinioni di celebri economisti che lo definiscono: Serio...ahahahahahah
      ma comprendo...la vita è dura e la fuori è una giungla e non si puo' guardar al sottile

      Rimanendo al pratico, Fassone avrebbe trovato questo soggetto per consentire a tal Li questa spericolata operazione
      ora posto due note e ditemi se secondo voi, se è una operazione che fara' dormire contenti i tifosi del milan:

      Lo statunitense Paul Singer, 69 anni, ha una fortuna personale valutata in 1,2 miliardi di euro grazie alla proprietà del Fondo Elliott Capital Management, gestore di 11 miliardi di dollari. Attraverso la Elliott, Singer opera sul mercato del debito sovrano in sofferenza, acquistando quando i titolo di debito sono sottovalutati per poi tentare la causa contro lo Stato emittente per incassare il valore nominale più gli interessi. Grazie a questa “specialità”, il suo fondo è stato battezzato “avvoltoio”, nel senso che si ciba di cadaveri, cioè di debiti di paesi falliti, dando il colpo finale a paesi già provati economicamente.

      Ovviamente a questo campione e grande finanziatore del Partito Repubblicano statunitense, sensibile solo ai diritti dei gay per motivi familiari, non preoccupa aggiungere sofferenza a sofferenza togliendo risorse utili alla ricostruzione di un’economia e una società. Non sono questi i problemi che si pone Paul Singer che ha un carniere ricco di prede. Negli anni ‘90 acquisì debiti dello stato peruviano per 8 milioni di euro riuscendo, tramite una causa, a farseli pagare 43. E non solo America Latina, anche uno dei paesi più disperati al mondo, il Congo, ha dovuto rimborsare a Singer 67 milioni su fondi pagati 15.

      Elimina

  29. Con l’Argentina, questo avvocato laureato a Harvard ha fatto il colpo grosso. Nel 2008 il suo fondo NM Capital rastrella sul mercato secondario titoli argentini “spazzatura”, svenduti da creditori che non volevano aderire al concambio offerto da Buenos Aires, per un controvalore di 48,7 milioni. Poi denuncia il paese davanti al Tribunale federale di New York del suo amico personale, il Giudice Thomas Griesa (84 anni, nominato da Richard Nixon), insieme ad altri due fondi come il suo. Dopo anni di dibattimenti, rinvii, tentativi di mediazione si arriva alla sentenza del 2013 nella quale l’Argentina viene condannata a pagare ai fondi l’intero capitale nominale più gli interessi dei titoli in loro possesso. Sentenza che viene confermata dalla Suprema Corte statunitense due mesi fa.

    A questo punto, i circa 50 milioni di dollari diventano 832 (+ 1608%). Un affare tondo per il fondo avvoltoio e una sentenza che crea giurisprudenza in un paese che si basa sul diritto consuetudinario. Una sentenza che dal punto di vista tecnico, crea un precedente pericolosissimo perché rende impossibile ristrutturare un debito in default. Oggi l’Argentina, forse a brevissimo il Porto Rico (Stato libero associato agli USA dell’area dollaro) e poi la Grecia, l’Italia… Dal punto di vista politico, questa vicenda premia i fondi speculativi considerati una delle principali cause della crisi economica nella quale il mondo è precipitato dopo il 2008. Un mercato finanziario deregolamentato, di mani libere per intervenire sull’economia spingendo l‘acceleratore sul rischio e sfruttando le disgrazie altrui.

    Se c’è una riforma urgente da fare ora è la chiusura del mercato secondario del debito sovrano ai fondi speculativi e soprattutto non emettere più debito sotto la giurisdizione statunitense. Ma come sappiamo, le riforme sono sempre più difficili quando anche la politica dipende dalla grande massa di risorse e di mezzi che sposta la speculazione. Paul Singer può essere contento, il suo motto “mettere la massima pressione sulla preda” ha funzionato. Ha piegato uno Stato e anche il 93% dei creditori dell’Argentina che avevano accettato le condizioni, rispettate, per riavere indietro una buona parte dei loro risparmi. Le ripercussioni sociali, economiche, politiche e umane di questo nuovo default non sono un suo problema, lui fa parte di quel famoso 1% dell’umanità.

    Marcellina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nun me convinci

      Elimina
    2. GALLIANIVATTENE!!!Ma Marcellina, l'italiota non è in grado di comprendere il suppostone che questa Elite (politici nominati e non eletti con compiacenza di sistema mediatico "serviente", con un sistema "finanziario marcio" (per quale motivo si dovrebbero regalare 20 Miliardi di Euro alle Banche quando per "meritocrazia acclarata", coloro che hanno amministrato e portato tali Istituti nelle condizioni pietose attuali, se ne escono con "Buonuscite Milionarie"???)sta preparando al popolo "bue". Toccherà presto anche all'Italia subire quello che hanno già subito altre Nazioni, la scusa sarà l'elevato Debito Pubblico, la realtà sarà mettere le mani sul "risparmio degli italiani" il secondo al mondo dietro al Giappone. Fdl Forever.

      Elimina
    3. Hikkese er sapientone

      nun c’è argomento, manco er più impenzato,

      in cui nun sei un esperto luminare,

      dar più arcano, astruso e impopolare,

      a quello più battuto e più affrontato.

      Conosci tera, cèlo, aria e mare,

      nun ce sta un posto che nun hai toccato,

      sai tutto de qualunque ritrovato,

      dar ciuccio der poppante a fà le bare.

      De storia, scènza, arte e geografia,

      filosofia, politica e penziero,

      tu pòi fà scòla a un’enciclopedia.

      Ma quer che dici, nun è più un mistero,

      pò fà er record mondiale de bucìa,

      mai che ‘na vorta corisponna ar vero.

      Elimina
    4. invece de cita stefano d'agostino
      fammi un sontuoso pompino
      giacomo leopardi

      Elimina
    5. ma se proprio scarso colle rime, vai meio co le panzane
      ah panzanaro Hikkese

      Elimina
  30. Diciamo che questi avvoltoi della finanza sono i padroni della finanza. Che dire ? Finché non ci sarà la rivoluzione mondiale ci troveremo che solo avvoltoi e… caimani possono comprare squadre di calcio a questo costo

    RispondiElimina
  31. I fondi speculativi non sono la causa di un bel nulla, le parti del sistema finanziario che hanno ceduto nel 2007 sono quelle sottoposte alla regolamentazione e soggette all'intervento pubblico, sotto forma politiche di banche centrali, di garanzia contro il fallimento, e soggetti alle politiche pseudo-keynesiane di compressione artificiale dei tassi di interesse che incita all'indebitamento eccessivo e alle bolle. Dire che i fondi speculativi sono responsabili della crisi finanziaria è affermazione ideologica, spiace dirlo, del tutto infondata, sono le enormi banche too big to save semmai, in Spagna per esempio i mutui immobiliari a buon mercato e i prestiti per CR7 al Real li davano enormi Casse di Risparmio crollate come una pila di barbabietole marce, governate da politici sindacalisti e preti, mentre il Banco di Santander privato si è rivelato l'unica banca sana. Quanto agli USA le distorsioni dovute alla convergenza di interessi dei politici e dei banker delle grandi banche commerciali e d'affari sono infinite e molti bonus immeritati e quasi rubati, ma "i fondi speculativi" non c'entrano proprio nulla, perché nessuno li salva se falliscono, è gente che non gode di reti di sicurezza. Faccio un esempio: se qualcuno garantisce le vostre perdite al casino che stile di gioco adottereste? e i guadagni li considerereste meritati, o frutto della garanzia occulta? Paradossale spiegare che il peggio del sistema finanziario non è il "liberismo selvaggio" che denunciano i comunisti e i parafascisti, ma le protezioni di cui gode e il fatto che sia sottratto alla disciplina del mercato. Il bail in è un modo per rimediare, infatti ai luridi dell'ABI non piace, peccato che a scagliarsi contro siano anche i beoti leghisti fascisti e grillini che diventano i loro utili idioti. Singer sa che nessuno lo salverebbe in caso di bancarotta, mentre i magnaccioni delle grandi banche possono contare sulla rete di protezione e se ne approfittano.
    Io personalmente sono favorevole alla disciplina del mercato sempre, a partire dalle grandi banche sistemiche fino ad arrivare ai debiti sovrani. Per i debiti sovrani alla lunga è anche nell'interesse dei cittadini di quei paesi, che la devono smettere di affidarsi ai demagoghi ladri, le sofferenze dei sudditi degli stati bancarottieri del Sud America, che hanno tradizioni di insolvenza periodica plurisecolari, sono da addossare alle loro classi dirigenti e alle incultura economica che domina quelle società. I debiti si pagano, punto e basta, e chi riesce ad andare avanti nella strada del delirio indisciplinato fa la fine del Venezuela, provate a documentarvi su cosa è diventato questo centro pulsante della propaganda contro il capitale finanziario e che ha praticato le politiche deliranti e inflazionistiche che molti chiedono anche per noi, andate a vedere il grado di sofferenza della popolazione. L'Argentina dal canto suo è stata devastata da peronisti di destra e sinistra e non dal fondo Elliott, cerchiamo di essere seri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAHAHAHAHAH
      ECCOLO IL DOTTOR MONTI IN AZIONE
      COLUI CHE VORREBBE IL MONDO REGOLATO DA ILLUMINATI TECNICI DELLA FINANZA
      E SI, NOI SIAMO GRILLINI E FASCISTI
      NOI SIAMO IL POPOLINO
      AL POPOLINO LA VERITA' NON BISOGNA DIRLA

      TE LA DO IO L' IDEOLLOGIA
      TARELLO




      Elimina
  32. E comunque anche molti piccoli risparmiatori italiani che non si sono fatti prendere dalla paura svendendo in passato ai fondi come Elliott, hanno fatto causa negli USA e alla fine hanno vinto e l'Argentina ha pagato tutto. Il rispetto degli impegni non è un privilegio è un diritto, e se la sovranità significa rapina io non ho nessun rispetto per la sovranità.

    RispondiElimina
  33. Aggiungo che i pasti gratis non esistono, la scelta della giurisdizione influenza i tassi. Se io faccio una emissione in un Paese che non tutela energicamente i diritti dei creditori degli stati sovrani, anche le minoranze dissenzienti, dovrò per forza offrire tassi molto più alti. Invece i furbastri argentini volevano la botte piena e la moglie ubriaca eh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SEI UN DISONORE PER IL GENERE UMANO

      Elimina
  34. GALLIANIVATTENE!!! Complimenti "Rob", hai spiegato chiaramente l'operazione e come andrà a finire ovvero, senza piazzamento in Champions nel prossimo campionato, si porteranno i Libri in Tribunale, un po' come puntare sul rosso o sul nero al casinò e speriamo che non esca lo "Zero" (un passaggio di quote societarie ad altri "avventurieri". AUGURI Vecchio e Caro Milan. Fdl Forever.
    P.S Ma con tutte le conoscenze che ha Silvio Berlusconi (uno degli uomini più ricchi al mondo), come mai non ha ceduto questo "asset" ad altri Imprenditori Importanti??? Qualcuno dirà "per il prezzo"......meglio un Li sconosciuto che un Bernie Ecclestone (è solo un esempio)conosciuto ai più.

    RispondiElimina
  35. famme capi in Argentina vigono le leggi statunitensi?
    maró questo blog illumina er buio piu di una torcia

    RispondiElimina
  36. Marcellina merda di fogna

    RispondiElimina
  37. Scusa Rob, ma io sono un diesel mi devo scaldare un po prima di carburare.

    Mi sembra di avere capito che tu dici che l'unico debito che ha contratto Li è quest'ultimo con il fondo Elliot (180 milioni ad un tasso quasi da usura) .Ma sei sicuro che il restante (340/350 milioni) non siano pure quelli prestiti di altri istituti, magari a tassi più umani , ma comunque da rimborsare? Quindi secondo te la parte a debito e di "soli" 180 milioni ?
    Magari ho capito male io eh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me Leo,tutta sta operazione detto fra me e te......
      Me pare na stronzata

      Ahhahahahhah

      Elimina
    2. Cmq Leo sul 62 ora lo stanno dicendo....
      Secondo loro riportano il prestito di 270 milioni,non come dice Rob di 180 al tasso dell 11,5 (cazzi suoi).
      Ripeto un operazione che con la nostra rosa e squadra non porterà da nessuna parte, solo un "consenziente" si gioca tutto quello che ha di personale (se poi è suo)

      Elimina
    3. Intendevo cazzi di LI se accetta un tasso del genere ....

      Elimina
    4. E no Ce La, cazzi nostri.
      Li ha preso i soldi da sto fondo Elliot dando in garanzia il Milan (detto in parole povere) se no lo ripaga, quel debito ricade sul Milan. ...e so cazzi.
      Io l'ho capita così....magari no eh

      Elimina
    5. Mattiniero Leo, complimenti ....
      Probabile ....
      Ma da come l anno spiegata, si rischia tanto per guadagnarci tantissimo...
      Io ancora cmq non ho capito come Li pensa di guadagnarci, sarò de coccio, ma proprio non mi entra in testa, scusa se vale 600 mil, 300 li ha spesi 300 a debito, mancano ancora intorno ai 500 mil..
      Loro han detto che i debiti con le banche li spalmara', come fanno tutti ma son cmq da pagare e anche gli interessi e soprattutto da garantire (a meno che non ci pensi Finivest)...
      Ma prima ancora di fare mercato ha già finito i suoi soldi e deve pagare uno sfracazzo di inTeressi, la squadra è tutta da rifare
      .... io non vedo come possa pensare di recuperare il "suo" e guadagnarci...

      Bho per me diventa socio ...

      Elimina
  38. Leggendo questi commenti dove ci siamo divisi parlando fi closing, di finanza creativa, sposando ognuno le tesi di quel scribacchino Ke più s'avvicina alle proprie sensazioni, mi sento sconfortato ....e annoiato pure...le trovo inutili speciose....
    Ringraziamo il nano, ci ha reso tutti economisti in erba

    RispondiElimina
  39. Mammagara, se l'erba fosse buona....piantatela!
    Mimmo Calabbria

    RispondiElimina
  40. NEWS
    Tavecchio, pronto a andare all'Antimafia


    Per costituirsi.

    RispondiElimina
  41. Domanda per un prestito rapido e conveniente per pagare le bollette e la ripresa del finanziamento il progetto del tasso di interesse più conveniente del 3% a contattarci oggi tramite: trustfunds804@outlook.com. Il prestito ha bisogno di un'offerta di prestito nostro minimo è di 1.000,00 scelta di prendere in prestito i soldi, io sono una registrazione certificata e istituti di credito Legit, potete contattarci oggi, se siete interessati a. Per ottenere questo prestito, di contattarmi per ulteriori informazioni sul processo di prestito come i termini e le condizioni dei prestiti e l'importo del prestito sarà trasferito a voi. Ho bisogno del vostro risposta urgente, se siete interessati

    RispondiElimina

Abbiamo riaperto i commenti!
Attenzione: chi scrive commenti è automaticamente tracciato dal sistema (informazioni non a disposizione dei curatori) ed è quindi totalmente responsabile di quanto scrive.





FEED


Scrivi Email - Nei tuoi preferiti


IL LIBRO DI CRITICA ROSSONERA
DA CALCIOPOLI AD ATENE dove oltre ai post sono contenuti molti dei commenti significativi, per rivivere un anno particolare della storia del Milan.
E' GRATIS!


Post più popolari