E' in forma

// 26 commenti
A Milan TV l'AD ex dimissionario è in formissima.
Una sorta di saluto al pubblico rossonero più fedele.

26 commenti:

  1. A sparare minchiate a raffica
    Poverino non è colpa sua se lo beccano negli alberghi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ot linguistico, per uso e consumo dei nostri manager sia dimissionari che no, e per quei puritanoni della gazza.
      così si parla negli ambienti più scelti della finanza globale, ecco a voi:
      Nov. 11 at 5:32 PM MottTheHoople
      Steve Brazel

      $VVV reluctantly squeezed my sphincter and averaged down again.bought 200 more @18.35.this does nothing but go down. down $2300.need lube.

      Elimina
  2. Più fedele a chi? A lui? Ahahahahahahahahahahahhahahahahah ............splash !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a quei 4 cerebrolesi ke ancora gli credono, stimati al 0,3% dei tifosi, a 4 o 5 procuratori mazzettari,
      al Gormito x cui si profilano tempi grami, e alle teste di cazzo della stampa appecorata e ghiotta di tramezzini, stampa i cui componenti nn serve citare...lo zoo x eccellenza...
      E'

      F
      I
      N
      I
      T
      A !!!!!
      E questa volta davvero !!!!

      Elimina
  3. FASSONE....FASSONE....FASSONE.....FASSONE.....FASSONE....FASSONE....

    RispondiElimina
  4. Anche critica è in forma..3 post in un venerdi...credevo fossi di fede coranica e osservassi festa il venerdi.
    Sconx

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non solo, 3 post uno più stimolante dell'altro, bada bene.

      Elimina
    2. Si..concordo, si sono dipanate discussioni interessantissime, in effetti...
      Sconx18

      Elimina
    3. ad esempio...
      Anonimo
      11 nov 2016, 19:50:00
      Domandina della sera da 2.000 km di distanza...ha rubato piu 'andreotti o chi e 'venuto poi ?.....

      Rispondi

      Anonimo
      11 nov 2016, 21:10:00
      ci sono risposte semplificatorie a domande complesse, e ci sono domande stupide su questioni complesse.
      Sconx

      Elimina
  5. Che incubo dev'essere per lui quel nome, il nome della sconfitta, il nome dell'allontanamento, il nome che certifica che la volontà dei tifosi conta, come contano le valutazioni oggettive sul modo di operare.
    Lui dopo 30 anni non era un A.D. qualunque, era un'istituzione, uno che la maggior parte dei grandi ex, anche fuoriclasse, loda in modo sperticato, loro ricordano il Milan che fu e colui con il quale hanno avuto a che fare. Per loro la storia è ferma a quegli anni, Kakà dimentica di aver vinto un solo scudetto al Milan che aveva il primo fatturato in Italia, dimentica di aver dovuto giocare con il suo connazionale a fine carriera che si trascinava per il campo, dimentica la gestione infortuni e tenuta atletica dell'altro suo connazionale con carriera bruciata prima di esplodere davvero, dimentica le meteore Rivaldo e Ronaldo, dimentica le sue splendide prodezze vanificate col Deportivo (mica il Real o il Barcellona), dimentica il teatrino del "nessun presidente potrà venire a strapparmi Kakà".
    Questa gente che vive al passato facendo finta che il presente non esista.
    Gioisci pure per il Milan giovane, che se non arrivasse nessuno a gennaio o la fotocopia di Sosa e Vangioni, vedresti dove si ritroverebbe a fine corsa.
    Lui, Kakà, ha avuto i suoi momenti di gloria e di quelli vive perché non può ripeterli, noi invece siamo i tifosi del Milan, non di una medaglia datata...e viviamo nel presente e nel futuro oltre che del passato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. BRAVOO. APPLAUSI !! Mark Hateley

      Elimina
  6. attenzione, allarme rosso. ultima chiamata. la nazionale argentina sta per fregarci icardi. lega, fgci, parlamento, presidenza del consiglio, dove cacchio avete la gnucca. Sveglia!

    RispondiElimina
  7. pensa che ti pensa ho trovato la soluzione al problema bacca. è berlusca il rimedio. berlusca deve parlare con bacca, anche solo una telefonatina al giorno fino al derby, e il gol ritorna. critica, fallo sapere a chi possa farlo sapere a monty, che fornisca a berlusca il numero di bacca. mi raccomando però, non dire che l'idea viene dalla cervice sconnessa di uno dei tuoi bloggari, ti riderebbero in faccia. presentala come cosa tua, poi facci sapere. (anzi, ideona! spacciala come cosa di Lodetti. se lo dice lodetti berlusca esegue, scommetti?)

    RispondiElimina
  8. il figlio di puttana pelato è giunto all'epitaffio. Dimesso dal milan spero ti ricoverino in terapia intensiva, crepa.

    RispondiElimina
  9. Domandina della sera da 2.000 km di distanza...ha rubato piu 'andreotti o chi e 'venuto poi ?.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci sono risposte semplificatorie a domande complesse, e ci sono domande stupide su questioni complesse.
      Sconx

      Elimina
  10. Bene, finalmente è arrivato il momento dell'addio.....bye bye ...FINITA !!!
    Solo su un punto non sono d'accordo: vorrei lasciasse da sconfitto ... ma a mio avviso, dopo più di 30 anni al Milan, notorietà, nel bene o/e nel male, tanti tanti soldoni + o - puliti..... e tanti tanti danni recati : NON LO RENDONO ABBASTANZA SCONFITTO, O ALMENO QUANTO IO VORREI.....
    IL SUO ADDIO E' FISIOLOGICO, TUTTO HA UNA FINE....

    RispondiElimina
  11. Esultate, esultate, fra pochi mesi vorrò leggere volentieri i vostri post, quando sparlerete di Fassone e vi renderete conto di quanto ci mancherà il Dott. Galliani. Mi siedo sin d'oggi in riva al fiume........
    Paul 86

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sto appoggiato alla ringhiera del naviglio pavese da un bel po': la mia unica certezza è che non rimpiangerò il passato recente.
      Il mio advisor Paolo Maldini mi ha lasciato perplesso sul futuro prossimo, ma l'unica cosa da fare è aspettare, con calma.
      La mia infanzia rossonera mi ha temprato a tutto: sopporterei anche di ripartire da zero se le cose andassero male, come il Parma o il Napoli.
      Ma penso non sia proprio il caso in questione.
      Sconx

      Elimina
    2. Aspetta pure folpone anke se per te sarebbe meglio aspettare seduto sull'orlo di un tombino...rigorosamente con sasso dipinto di giallo al collo...a darti un calcio in culo e a buttarti nella fogna sarà anke più consono !

      Elimina
  12. MILAN NEWS – La cessione del club rossoneri ai cinesi è praticamente solo questione di qualche altra settimana. Il closing è previsto il 2 o il 13 dicembre. In uno di questi due giorni verrà presentato il nuovo CdA e conseguentemente decadrà il precedente: in primis verranno ratificate le dimissioni di Adriano Galliani.

    Lo storico Amministratore Delegato lascerà il club dopo 30 anni di servizio. Queste le sue parole in merito ai microfoni di Milan TV“Sono le ultime 3 settimane di Milan per me. Ho fatto l’amministratore delegato per 30 anni e non saprei ricoprire nessun’altro ruolo. 28 primi posti e 16 secondi posti, che vogliono dire tanto, dalle Champions League alle Supercoppe, fino al campionato. I secondi posti vogliono dire molto. Tra primi e secondi posti, abbiamo toccato quota 45 e questo vuol dire davvero tanto”.

    Nel corso dell’intervista è intervenuto telefonicamente anche Andriy Shevchenko, il quale ha ringraziato lo storico dirigente per il suo lavoro nel corso di questi anni. Questa la risposta di Galliani al pallone d’oro ucraino: “Sei il più grande attaccante della storia moderna del Milan. Sei scolpito nel cuore e nella storia del Milan. Quando ti vedo sono sempre emozionato come quella sera del 1999, quando giocavi con la Primavera. Mi presi un raffreddore quella sera (ride ndr). Dopo il tuo rigore, quando vincemmo la Champions contro la Juventus, facemmo una cena e accanto a me c’era uno psichiatra molto famoso. Gli dissi che avevo ancora paura che tu sbagliassi il rigore, dopo 20 giorni da quella gara. Gli chiesi se fosse grave e mi disse che ero irrecuperabile (ride ndr)”.Sull’approdo al Chelsea di Sheva ha riferito: “Abbiamo insistito tantissimo per trattenerlo e Berlusconi ha fatto ogni sforzo. Fino alla fine gli chiesi di restare. Gli dissi che non avrei firmato, strappando tutto. Alla fine però è stata una sua scelta, che abbiamo rispettato”.

    Un ricordo passato per l’a.d. milanista anche su Cristian Abbiati, anch’egli presente in studio: “Con quella parata contro l’Inter in semifinale di Champions League nel 2003 si guadagnò la sua assicurazione. Gli dicemmo che sarebbe potuto restare fin quando avrebbe voluto e oggi, a 39 anni, è stato lui a scegliere di smettere”.

    Dal portiere del passato a quello del presente e del futuro, Gianluigi DonnarummaMi sono promesso di non parlare del suo futuro. Sono situazioni che non mi riguarderanno probabilmente. Mi fermo al 2 dicembre prossimo”. E proprio con quest’ultima frase ha praticamente confermato che le voci relative alla scelta tale data per il closing con i cinesi.

    Sul suo futuro in Lega Calcio resta sulla difensiva: “Non ho preso nessuna decisione relativamente al mio futuro, senza candidarmi al ruolo di presidente della Lega. Soltanto dopo che ci saranno nuovi amministratori al Milan, potrò pensare al mio futuro, non prima di aver concordato il tutto con Berlusconi”.

    Ancora altri retroscena, stavolta suRivaldo, Luis Figo e sulla notte di Belgrado relativa all’incidente accorso a Roberto Donadoni: “A Belgrado pensavamo Donadoni fosse morto. Dopo il colpo non riusciva a respirare. Un infermiere gli salvò la vita. I giocatori nel secondo tempo lo credevano morto e nello spogliatoio piangevamo tutti. Ho di certo esultato al gol di Rijkaard, ma il pensiero era a Donadoni. Lo avevamo visto col volto blu. Rivaldo? Provammo a prenderlo due anni prima. Anche Figo non riuscimmo a prenderlo, nonostante avesse l’accordo con noi. Ogni volta che lo vedo, lo picchio (ride ndr)”.


    Scagli la prima pietra chi , leggendo questo commovente commiato,non gli è scesa una lacrimuccia. .......aspettate fatemi indossare un...casco!!!!! Ahahah

    -21 /-32 ALL'ALBA !!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bel discorso, mancano più di venti gg però. il poemino funebre si tiene sulla bara bella colma e chiusa col martello. era più opportuno il giorno prima o dopo le dimissioni. non è che ce ne fa uno ogni giorno fino al closing questo bel tipo di simpaticone. capacissimo.
      per il suo futuro lo vedo a fare conferenze sul suo passato rossonero e sul calcio in giro per le meriche, si mangia da cani avvelenati ma pagano profumatamente.

      Elimina
    2. Beh ...30 anni di "STORIA GLORIOSA" non si possono concentrare in una volta sola! !!!!

      Elimina
  13. raga, voi starete pensando che un discorsino così levigato, leggiadro e scorrevole, con il luccichìo lacrimoso dietro il sorriso elegante eccetera, l'ha preparato come minimo il suma. invece no, indovinate un po' chi è il ghostwriter del galliani morente?
    MoonCake (falsario giornalista puttana e spia, al servizio di chicchessìa).

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Abbiamo riaperto i commenti!
Attenzione: chi scrive commenti è automaticamente tracciato dal sistema (informazioni non a disposizione dei curatori) ed è quindi totalmente responsabile di quanto scrive.





FEED


Scrivi Email - Nei tuoi preferiti


IL LIBRO DI CRITICA ROSSONERA
DA CALCIOPOLI AD ATENE dove oltre ai post sono contenuti molti dei commenti significativi, per rivivere un anno particolare della storia del Milan.
E' GRATIS!


Post più popolari