Maldini, per il momento è no

// 151 commenti
Non so se sia abbastanza chiaro a tutti: Maldini non ha detto sì al nuovo Milan cinese, anzi, il ruolo di direttore tecnico gli andrebbe stretto.
Perché bisogna essere chiari!

151 commenti:

  1. E' GIUSTO COSì.
    RAMMENTATATE QUANDO POCHI MESI ORSONO BERLUSCONI DISSE, MENTENDO SPUDORATAMENTE, CHE A MALDINI NON INTERESSAVA UN INCARICO NEL MILAN PERCHE' ORAMAI SI ERA FATTO LA SUA VITA?????
    RAMMENTATE COME GALLIANI NON LO ABBIA VOLUTO, DEFINENDO SUPERFLUA QUALSIASI ALTRA FIGURA NEL MILAN ( MANDANDO VIA PURE BRTAIDA) OLTRE LA SUA?????
    RAMMENTATE TUTTO IL VOMITEVOLE SCHIFO CHE E' STATO IL MILAN NEGLI ULTIMI ANNI?????
    BENE......
    PREGHIAMO IL DIO DEL CALCIO CHE MALDINI ACCETTI.....E VI FACCIO VEDERE CHE FINE FARANNO0 QUESTI QUATTRO CAZZONI DI PSEUDOGIOCATORI CHE OFFENDONO LA MAGLIA DEL MILAN......................

    RispondiElimina
  2. Grande rispetto per Maldini ma sinceramente non ho capito che pretende ciò considera pure che ad oggi come dirigente hai Esperienza zero e da quello che ho letto lui pretende di rispondere direttamente ai cinesi scavalcando Fassone e mirabelli
    Così non fa altro che dare alibi ai difensori di gobbani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non hai capito un cazzo

      Elimina
  3. Leggete bene le sue dichiarazioni a sky sport 24

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla gazzetta dello sport .scusate

      Elimina
  4. Berlusconi e Galliani, ricordatevi che dovete morire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei uno dei motivi per cui scrivo su questo blog.

      Elimina
    2. Tu devi morire coglione senza memoria !

      Elimina
  5. Innanzitutto bravo Fassone a puntare dritto su Maldini
    Però quest'ultimo non può pretendere di dirigere l'area tecnica da solo cioè sei al Milan e non hai esperienza
    Un po' di umiltà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non hai capito un cazzo

      Elimina
  6. Esatto ciò che scrive Leo63, ANONIMO DELLE 08.42 leggi bene le dichiarazioni di Maldini.....

    Paolo Maldini ha rilasciato queste parole ai microfoni di SkySport24: "Vedo che il mio nome un po’ troppo spesso viene tirato in ballo attraverso notizie false, o quantomeno non verificate. E’ vero che ho incontrato Fassone e Mirabelli a casa mia, mi è stato detto che l’obiettivo della nuova società è quello di riportare il Milan, in cinque anni, fra i top club del mondo. Quindi, a questo proposito, la mia storia di uomo e di calciatore del Milan mi impone di capire fino in fondo le idee della nuova proprietà, i loro progetti e come pensano di agire. Ho bisogno di sentirmelo dire direttamente da loro per un motivo di coerenza: se ci devo mettere la faccia, il cuore e la passione, perché so come sono fatto, lavorerei 24 ore su 24, 365 giorni all’anno per la causa, lo voglio fare per un progetto realmente serio. Sono pronto a stravolgere la mia vita, non sono io ad avere cercato il Milan, ma sono stati loro ad avere cercato me, quindi ritengo giusto che io possa parlare con la nuova proprietà prima di prendere una decisione definitiva. E’ una questione di principio e di giustizia. Si è detto di una mia richiesta elevata a livello economico: non ho fatto alcuna richiesta in tal senso. Si è detto di alcune condizioni che avrei dettato: semplicemente ho fatto presente che se mi dovesse essere affidata l’area tecnica, sarebbe giusto che io possa prendere delle decisioni, ed eventualmente sbagliare, in autonomia. E questo non vuol dire by-passare il ruolo di Fassone. Si è detto della mia inesperienza: mi sento di affermare che a livello tecnico di esperienza ne ho, e deriva da una vita trascorsa sul campo con la maglia del Milan, che continuo a considerare non come una seconda pelle, ma come la mia prima e unica pelle. Vorrei che una cosa fosse chiara, senza generare alcun tipo di fraintendimento: qualunque decisione io dovessi prendere, lo farò solo ed esclusivamente per il bene del Milan. E se alla fine dovessi far parte della nuova società, vorrei che i contatti con la proprietà, ovviamente condivisi con Fassone, siano continui e costruttivi, non servirebbe sentirci solo una volta ogni tanto. Se si deve tornare al top, lo si deve fare tutti insieme, all’interno di un progetto condiviso. Si è anche detto che la mia risposta negativa è già arrivata: semplicemente, al momento, non sono d’accordo con il ruolo che mi è stato prospettato. Chiedo rispetto, un rispetto che penso di meritarmi".

    RispondiElimina
  7. Buonagiornata a tutti.
    Ho letto della diatriba in atto col sig Hicks, e a tal proposito vorrei dire la mia.
    1) il Sig Hicks è un alto dirigente... perchè sputtanarsi su un blog e non raccattare denaro come gola profonda in qualche giornale?
    2) Il sig Hicks è un "tirapiedi" di un alto dirigente..... (vedi punto 1) e aggiungiamo, perchè sputtanarsi su un bblog e rischiare il licenziamento?
    3) Il sig Hicks è un "amico" di un "alto dirigente" o amico del "tirapiedi di un alto dirigente" in entrambi i casi perchè l'alto dirigente o il tirapiedi dell'alto confidano questo a un amico e non lo fanno anche con la stampa cercando di raccattare 4 denari
    4) il Sig Hicks è stato colpito dallo stesso male di John Nash e pensa veramente di essere un grande insider
    5) Il Sig Hicks in questo momento è disoccupato e deve impiegare il suo tempo scrivendo storie verosimili.
    6) Il sig Hicks è un novello John Titor venuto dal fututo grazie a un IBM5100, gli si è spaccato il pc e ha trovato i pezzi di ricambi solo su amazona prezzi assurdi, e quindi ci sta dicendo cosa succederà nel futuro perchè a brave ci presenterà la parcella per poter comprare i pezzi di ricambio e tornare nel futuro.


    Morale della favola.
    Aspettiamo 1/2/3/6 mesi , abbiamo aspettato anni che berlusca e soci si levassero dai coglioni, invece che stare appresso a determinati insider (su tuitters ne vidi di MEGAGALATTICI!) fatevi le vostre idee e aspettiamo
    Cordiali Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto.
      E ribadisco: se un dirigente scrive in quella maniera oscena, non ci meritiamo nemmeno di stare in serie B.

      Elimina
  8. Sul discorso Maldini (cosi poi torno a lavorare), il discorso è molto semplice.
    Io tifo per il suo ingresso in società.. ma per un unico motivo, conoscendo il carattere dell'ex capitano, mai e poi mai si "accoppierebbe" con una banda di sciacalli e quindi se lui dice "si" significa che sti cinesi sono veramente tanta roba.
    Non condivido comunque le sue richieste, non capisco per quale motivo un uomo che negli ultimi 7 anni ha giocato a frisbee a Miami e come dirigente non ha ALCUNA REFERENZA, NESSUNA ESPERIENZA voglia avere piena libertà di azione.
    Ricordiamo che dopo Braida in questi ultimi anni il miglior dirigente (come scelta di giocatori) è stato il "Core" ingrato Leonardo , che ha cominciato il suo percorso dirigenziale come organizzatore di eventi per Fondazione Milan.
    Cordiali Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un altro che non ha capito un cazzo

      Elimina
  9. quoto l'imbalsamatore ..ok maldini è garanzia di limpidezza però uno che non ha nessuna esperienza come dirigenza e al quale propongono un ruolo TECNICO e non di rappresentanza non posso leggere che vuole rispondere direttamente ai cinesi imporsi sul ds e dire di voler avere il diritto di sbagliare
    cioè bello mio come tu stesso sai sei al MILAN i margini di sbaglio sono ridotti non è che puoi pensare di venirti a fare le ossa
    io la butto lì se maldini rifiutasse farei un serio pensiero a Leonardo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma siete una manica di decerebrati????????
      ma come si fa a dire queste cose sulle parole di Maldini che vogliono dire tutt'altro???????
      Allora dai su affidati ancora al cravatta gialla che di esperienza come dirigente ne ha da vendere!!
      fottuti microcefali

      Elimina
  10. a me l'uscita di maldini non è piaciuta per niente e anzi presta il fianco ai suoi detrattori
    già ieri sera ho sentito suma dire che avete visto che il suo non ingresso non era colpa della vecchia dirigenza
    cioè ok che sei maldini però non puoi far pesare la storia per avere un ruolo che ad oggi non hai dimostrato nulla per meritarlo,cioè entra in punta di piedi e man mano acquisti potere...cioè non è che gli abbiano proposto di fare passerella ma di coinvolgerlo attivamente nell'area tecnica
    la frase "mi hanno cercato loro" a me non è piaciuta

    RispondiElimina
  11. a proposito albertini dice che non lo hanno chiamato ma non si farebbe problemi ad entrare
    e i giornalisti hanno montato un pippone con le bandiere che schifano la nuova proprietà

    RispondiElimina
  12. Nelle parole di Maldini non ci vedo un no definitivo, al contrario. Ha detto semplicemente che vuole capire prima quali siano le intenzioni della nuova proprietà, poi potrà accettare. Per me è stato molto chiaro e coerente. A chi dice che non ha l'esperienza necessaria per ricoprire alcun ruolo, vorrei ricordare, che l'esperienza diretta di Paolo Maldini al Milan non è assolutamente paragonabile. Maldini è una bandiera, le sue referenze sono innumerevoli e tutte fatte direttamente sui campi di gioco di tutto il mondo, e sarebbe importantissimo rientrasse al Milan, anche per un puro fatto di immagine. Sarebbe importantissimo e assolutamente necessario per poter dare "IL SEGNALE" che il nuovo Milan è arrivato. Posso solo sperare che la situazione si evolva in senso positivo, ovviamente.
    Un abbraccio fratelli rossoneri !
    TS61

    RispondiElimina
  13. "Franco agli ordini" scrive sul giornale di famiglia:
    Milano E arrivò il giorno del famoso incontro. Non si è celebrato a Teano ma dalle parti di Milano centro.


    Marco Fassone, prossimo ad del Milan cinese, ha visto ieri Paolo Maldini. L'offerta presentata al campione rossonero è stata molto più articolata di quella prevista in un primo momento e cioè all'ex capitano di mille successi sono stati prospettati compiti non solo di rappresentanza (presso le commissioni Uefa, Fifa e il comitato dei club europei) ma un ruolo di responsabilità tecnica da dividere con il ds Mirabelli alle dirette dipendenze dello stesso Fassone, come scritto nell'organigramma mostrato all'interessato. «Sarai il mio braccio destro» la sintesi utilizzata dal manager ex Inter e Napoli che si è ritrovato dinanzi a una tiepida reazione dell'interessato.

    I motivi sono sinteticamente due: 1) l'insoddisfazione per la dimensione dello stipendio non paragonabile a quello da calciatore; 2) l'insoddisfazione per la ridotta autonomia. Maldini non ha dato una risposta definitiva e ha promesso di meditare nei prossimi giorni ma l'impressione ricavata dallo stesso Fassone è quella di un probabile, garbato rifiuto. In passato, d'altro canto, Maldini rifiutò anche il ruolo di responsabile del settore giovanile che gli fu proposto da Adriano Galliani. La sua dichiarata ambizione è di lavorare, come accaduto a Leonardo nel Psg e a Rumminegge nel Bayern, da responsabile unico della parte sportiva, alle dirette dipendenze dell'azionista. Nel caso dovesse andare a vuoto questo primo tentativo, Fassone virerà su Demetrio Albertini e Franco Baresi, attualmente già in forza al club.

    In attesa di sventolare una bandiera, il prossimo Milan sta ultimando le operazioni che devono portare al closing della trattativa con Fininvest entro la fine dell'anno. Le banche d'affari coinvolte nell'operazione hanno segnalato alla holding della famiglia Berlusconi che la cifra attesa per fine novembre (420 milioni) è stata già raccolta: il prossimo passaggio è legato alle autorizzazioni del governo cinese per il trasferimento all'estero e il cambio di valuta.

    Ma a dare spessore e maggiore credibilità al fondo cinese che acquisterà il 99% delle azioni rossonere è intervenuta l'identità di uno degli investitori (in totale saranno 8-9) svelata dal Corriere dello Sport. Si tratta di TCL, una multinazionale leader nelle comunicazioni, nel multimedia e nell'elettronica, fondata e guidata da Li Dongsheng, 59 anni, con un fatturato da 16 miliardi, già presente in alcuni paesi dell'Europa ma non in Italia. La sigla e il suo azionista di riferimento facevano parte della lista presentata da Sino sports europe ai manager di Fininvest dopo la firma del preliminare del 5 agosto in Sardegna alla presenza di Silvio Berlusconi. Perciò le due date appuntate sull'agenda dei cinesi, non hanno subito alcuna variazione. A metà ottobre è prevista la partenza di Fassone per Pechino per conoscere personalmente gli investitori; a fine ottobre il probabile incontro ad Arcore col presidente Berlusconi e per fine novembre la firma per la voltura delle azioni.

    RispondiElimina
  14. Nella giornata di ieri si è parlato moltissimo del possibile ritorno nel Milan di Paolo Maldini, il quale ha voluto però fare un po’ di chiarezza sulla situazione e ai microfoni della Gazzetta dello Sport ha dichiarato: “Scelgo la Gazzetta per fare chiarezza. Perché di questo si tratta: non è un messaggio di rabbia o di rancore, ma di chiarezza. Innanzitutto sottolineo che rispetto molto Fassone, che ha un compito delicato. Ci siamo visti quattro volte in un mese, mi ha detto che sono la prima e unica scelta e mi ha spiegato perché: la mia vita e la mia storia sono alla base della loro decisione. Tutto quello che ho fatto per il Milan ha un peso importante. Però, proprio per rispetto della mia storia, se io accetto di entrare nel Milan lo faccio solo seguendo i miei ideali. Amo profondamente questo club e posso aiutarlo solo ascoltando il mio cuore e la mia testa. Per il bene del Milan devo restare me stesso. Io non posso assumermi certe responsabilità e metterci la faccia senza identificarmi nella proprietà. Vorrei conoscere i nuovi proprietari, condividere il progetto, parlare di strategie, ascoltare i loro obiettivi e le linee guida. Mi sembra il minimo. A parte Fassone chi ho incontrato? David (Han Li, ndr), il vicepresidente del fondo, l’unico che parla inglese. Ma è stata una chiacchierata di dieci minuti. Mi ha detto che mi vuole fortemente al Milan, non siamo andati oltre”.

    LA PROPOSTA DEI CINESI - Maldini ha poi chiarito quali sono le sue richieste alla nuova proprietà: “Non so se chiamarle condizioni, ma sono stati loro a cercare me e allora è giusto che io abbia chiesto delle cose. Ci sono due ostacoli evidenti: la mancanza di una responsabilità diretta nell’area tecnica e la scarsa chiarezza sul ruolo. Mi hanno prospettato una struttura con Fassone a.d., io direttore tecnico e Mirabelli direttore sportivo. Ma il punto è: cosa farò? Io e Mirabelli dovremmo gestire la parte sportiva, ma se c’è una differenza di vedute chi decide? Non posso avere un ruolo a metà con un’altra persona. Mi sembra inevitabile affrontare subito il problema. Non voglio giudicare chi non conosco, ma pretendo una condivisione del progetto sportivo che a oggi non c’è. Quindi ho chiesto di conoscere la proprietà, di sentirmi dire direttamente da loro cosa si aspettano da me, di vedere che condividono con me il loro progetto. Il mio ruolo? So solo che con me ci sarebbero Fassone e Mirabelli. Ma allo stato attuale i ruoli rischiano di sovrapporsi su tante cose. Troppe. A me è stato detto che l’obiettivo è riportare il Milan tra le prime cinque squadre del mondo. Ma questo significa lavorare 24 ore al giorno per tanto tempo. Io sono disposto a farlo, ma devo sapere bene come stanno le cose”.

    POCA CHIAREZZA - La questione dovrebbe comunque risolversi in breve tempo: “Non c’è nessuna dead line, ma nei prossimi giorni si definirà tutto in un senso o nell’altro. Io non ho fretta e sinceramente non mi sembra nemmeno il caso di averne vista la vastità del progetto. Vorrei solo sapere da loro cosa intendono fare per il bene del Milan. Poi io ci metterei la faccia, la credibilità, l’attaccamento ai colori, il tempo, la condivisione di un progetto, il lavoro. Se si farà? Deve chiederlo a loro. Finora ci sono state tante voci e poca chiarezza. Non è detto che si faccia, ma è possibile. Però solo con ruoli definiti e con la condivisione del progetto. Come accadeva nel grande Milan di Berlusconi. Non sono io a dover dare una risposta a loro, ma loro a me. Mi rendo conto che posso sembrare un uomo complicato, ma questo carattere e il mio approccio allo sport e alla vita mi hanno portato a essere ciò che sono e che sono stato in campo. E poi sono obbligato a essere così: questo è il Milan. Non si scherza”.

    RispondiElimina
  15. Laura Masi, bayer monaco( l'ha cacciata Barbara, per fare la lotta a Galliani visto che stava al suo fianco) Ariedo Braida al Barcellona( se n'è andato lui, dopo che nella guerra Barbara vs Galliani, la merda che volava è stata scansata dal pelato, ed è arrivata in faccia al buon Ariedo, che negli ultimi 10 anni era stato messo in un angolo dallo stesso galliani che si era innamorato del giochino) a tal proposito ha ragione galliani quando dice "gli osservatori sono gli stessi di quando c'era ariedo...avrebbe dovuto pero' anche aggiungere:" e io non me li cago, cosi' come quando c'era Ariedo"...tecnici del settore giovanile che per la guerra che galliani fa contro filippo galli sono stati costretti a fare le valigie e oggi sono responsabili tecnici alla juve, responsabili settore giovanili del Verona etc etcetc...taluni come il sottoscritto invece sono rimasti, consci che il loro lavoro fosse continuamente ignorato ed ostacolato, nella speranza che la vecchia dirigenza fosse sul punto di abdicare per vecchiaia incombente e per i troppi danni che avrebbero finito col affossare il club e metterlo sul mercato....insomma noi superstiti facciamo il tifo da anni per il cambiamento...a costo di rischiare del nostro, poiche' non ci basta lavorare e portare a casa il pane, vogliamo un milan diverso e vincente....questo è l'unico e mio motore, questo è il motivo per cui non sono al Liverpool , al Chelsea o peggio alla Juve....non siamo dei tirapiedi...se solo sapeste ...il contrario...mi taglierei una mano per darvi una fottuta prova...io sono qui per comunicare a dei tifosi, che la dentro c'è qualche fottuto superstite che ha continuato incessantmente a tentare di fare del bene al milan e che ha rischiato tanto del suo per mettere in difficolta' il pelato..non ho bisogno della tua e o vostra comprensione o peggio assoluzione...ma proprio perche' sono un tifoso, credo che i tifosi debbano avere il diritto e il dovere di saperlo...e per quanto riguarda il sottoscritto, ho sempre detto che faccio il mestiere piu' bello del mondo per il club che amo, ma al tempo stesso per come sono andate le cose, anche mio padre ( 80enne milanista) pensa che siamo un bunch di idioti...ho scelto questo di blog, poiche' sara' anche piu' piccolo e malandato per certi versi di altri ben piu' seguiti, ma qui, tra troll e insulti, vi sono teste pensanti e reali amanti del milan...e lo dico con sincero rispetto...e mi spiace tra l'altro che il tale federico V per esempio, che non conosco e di cui ho anche apprezzato gli interventi, mi abbia fatto una entrata a gamba tesa come quella di ieri.. non sono andato dalla stampa, poiche' non tutta la stampa è al servizio del pelato ma alcuni dei capi redattori si....non sono mai andato a denunciare le malefatte del pelato poiche' parte della stampa è connivente, perche' il management del calcio italiano lo è, e anche perche' il primo emendamento del mio ruolo mi impone il silenzio...l'ho rotto solo qua dentro, per 50 tifosi, di cui leggo da anni la loro commovente passione....non sono in cerca di denari caro Imbalsamatore...anzi ho rifiutato fior di denari, per non accettare la corruzione la dentro rischiando di conseguenza di esser liquidato...
    No imbalsamatore, non sono un grande insider, delle cose future ho sensazioni, e qualche news in piu' di voi, ma non roba eclatante, ma mi pare che le parole di Maldini confermino la poca chiarezza attuale: a parte il suo carattere di cui potete ovviamente discutere, dovrebbe risultare chiara la frase" ho parlato solo con David 10 minuti e mi ha solo detto che mi vuole".." voglio aver un rapporto diretto, sapere cosa vogliono..."..significa che nemmeno lui al momento, e sottolineo al momento, riesce ad avere chiarezza sui nuovi investitori...palese...detto cio' caro Imbalsamatore, penso sia piu' semplice essere trattato come un normale tifoso che scrive su critica..pur sapendo che lavoro al Milan.In bocca al lupo
    Hicks

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hicks secondo me quello che dici, insider o no, è interessante e quindi utile al blog. Del resto non mi interessa

      Elimina
    2. ma chiaro! direi che il Vecchio Stuv, come spesso, in 2 parole ha chiuso la questione. anche se sono divertenti ogni tanto i commenta che si beccano tra loro, senza trascendere. salva sempre la buona fede almeno quel minimo.

      Elimina
    3. peccato per i compari persi per strada. sento molto la mancanza di Roc l'anarco-comunista per esempio. per non parlare dell'innamorato fisso della Sensi (mitico). e anche del Pugliesaccio. che forse, ma spero non sia stato perciò, se l'è presa per un mio commento puramente tecnico sul modo di mettere i suoi pezzi. col quale intendevo dire di renderli più facili e comodi da leggere. va bè amen e così sia.

      Elimina
    4. Io non sono un insider ma ho due amici che lavorano per grandi aziende cinesi e abitano in Cina. Tutti noi siamo abituati alla gestione familiare o europea delle aziende. In Cina funziona diversamente: chi comanda decide, e quando ha deciso ti mette al corrente delle sue decisioni, e tu le accetti o non le accetti. Non c'è democrazia, non c'è trasparenza. Sono abbastanza intelligenti da capire che se investono in un settore che non conoscono ancora alla perfezione, è giusto che si affidino a chi ne ha le competenze. Ma Maldini si può scordare che vengano col cappello in mano a chiedergli se sua maestà vuole collaborare con loro. I discorsi di cuore ai cinesi non devi farglieli... Io sono fatto così... io cosà... Loro ti dicono che hanno i mezzi per far tornare in 5 anni il milan ai vertici del calcio mondiale e ti stanno offrendo, tramite Fassone, la possibilità di gestire la parte tecnica. Ci credi? Ti prendono, ma rispetti le gerarchie, che sono sacre. Quindi riferisci a Fassone ed eventualmente con Fassone ti presenti agli incontri periodici o alle conference call. Non ci credi, vuoi che vengano a farti vedere chi sono, cosa fanno, come hanno fatto i soldi? Puoi rimanere a giocare alla play station a fare il manager, caro Paolo. Caro Hicks, abituati a riceve direttive e ad eseguirle. Con loro funziona così. E se sono di fatto (anche se la gente non lo sa) padroni di mezzo mondo, la cosa farà schifo ma funziona. Saluti.

      Elimina
    5. Dario, come scrissi l'altro gg, iniziai ad importare dalla cina nell'88, quando tutti erano su giappone e korea...quindi li conosco bene..comunque grazie delle parole sia a te che al Vecchio Stuv
      HICKS

      Elimina
    6. Sarà perchè il nostro Presidente era un ex maoista di LC che io ho vissuto solo quel tipo di esperienza lavorativa?
      La Cina è molto più vicina di quanto pensiate...
      Sconx18

      Elimina
  16. maldini ha detto che di soldi non ne hanno manco parlato e questi continuano a menarla con lo stipendio top

    RispondiElimina
  17. Di grazia, Imbalsamatore,
    non credo di meritare si tanta attenzione, specie in un giorno importante come questo dove la notizia di Maldini finalmente emerge.
    Cerchero' di fare un minimo di luce: non sono entrato qua dicendo" sono un manager importante"..quindi no non sono un dirigente.Che ruolo ho? se lo dicessi si verrebbe immediatamente a sapere chi sono...posso solo dire che il mio ruolo in un club "normale sarebbe di gran peso, molto molto importante"..ma non al milan...la tua analisi e le tue parole sono uno dei motivi per cui ho deciso di scrivere qua..."o sono un dirigente o sono un tirapiedi".....esattamente questo è il pensiero, di chi vede le cose del milan dal di fuori...non è colpa tua, ne' di chicchessia se questo è il pensiero dominante ..ovviamente questo pensiero esiste poiche' il duo silvio-pelato ha accentrato tutto, poiche' la conduzione del club è stata di tipo patronale e granitica, anche quando l'evoluzione della societa', del calcio, dei club hanno assunto geometrie diverse da quelle piramidali del passato...in sostanza una societa' fuori dal tempo..quindi visto che sono un professionista, ma al tempo stesso tifoso da sempre del Milan, ( e questo a volte è anche un limite, nel mio mondo)ho deciso di scrivere qua per far sapere una cosa:" ehi signori, sento solo parlar del milan come di un carrozzone di decerebrati, corrottti e o tirapiedi...vi comunico che non è cosi...certo il Milan degli ultimi 8 anni è cosi', ma la dentro vi sono dei valori, delle persone, dei professionisti che non sono ne' dei fancazzisti, ne' dei raccomandati, ne' specialmente dei tirapiedi " al Milan vi sono dei professionisti che han cercato incessantemente di portare valore, sono rispettati moltissimo specie dalla concorrenza e in questi anni sono stati ostacolati dalla dirigenza in quanto pensanti.

    RispondiElimina
  18. Scusate, ho dovuto splittarlo per postarlo ma la prima parte non l'ha presa e l ho ripostata in seguito...ecco xche appare la seconda parte all'inizio, e la prima parte in seguito
    Hicks

    RispondiElimina
  19. Grande giocatore non è sinonimo di grande dirigente, l'eccezione che conferma la regola è stato Boniperti, avendo sopra Gianni Agnelli e sotto Italo Allodi.
    Maldini vuole giustamente sapere chi c'è nella nuova proprietà ma non è che lui sia indispensabile, l'unico veramente indispensabile è quello che ci mette il grano (cit. il nano).

    RispondiElimina
  20. Hicks, al di là di chi tu sia, massimo rispetto per le cose che dici e per come le dici. Personalmente condivido la tua visione a pieno e, soprattutto, penso che sia bello per noi tifosi sapere che la società è fatta anche di persone vere e oneste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. confermo quello che ho detto sopra, dirigente o no, quello che dici è interessante e quindi utile

      Elimina
    2. Grazie Vecchio Stuv
      Hicks

      Elimina
  21. Grande Hicks! Sei il benvenuto qui!

    Tyler Durden

    RispondiElimina
  22. Vi ringrazio Mosconi e Tyler, le vostre parole sono una medicina, per il lavoro e le battaglie che vi saranno nei prossimi due mesi
    Hicks

    RispondiElimina
  23. Caro Hicks, perdonami vorrei fare una piccolissima premessa.
    Si vede bene che non sei un "Troll" nel senso non sei lo stupido del quartiere che vuol farsi passare per il cugino del panettiere di tizio o l'idraulico che ha rubato un documento importante da Casa Milan.
    Onestamente, per come "scrivi" e per come ti poni la tua storia , il tuo "essere addentrato" risulta estremamente credibili.
    Ovviamente io non posso sapere (e neanche è giusto chiedertelo!) se dici il vero o il falso in mancanza di prove.
    Mesi fa su Twitter nacque un account... durò 5/6 gg, si presentò come un insider (uno che lavorava dentro il milan).. praticamente per 4/5 giorni scrisse cose credibilissime, cose inconfutabili.. e le persone credettero (me compreso) che si trattasse di una fonte interna.
    Venne ripreso anche da alcuni giornali (come il mitico alex scurosu che venne addirittura intervistato dalla gazzetta in qualità di "avvocato" o roba simile di mr BEE) dopo 5 gg il buontempone smerdò tutti.
    Vi ho fatto vedere come lavora un Troll, prendo estratti di articoli a destra e manca, li rendo "miei" li "rendo" credibili e la gente abbocca come un pesce all'amo.
    Scoprii in seguito che il "troll" altro non era che un ex giornlaista che semplicemente voleva capire fino a che punto delle notizie false o falsificate possono diventare vere.
    E' il limite del Web caro Hicks, tutti possiamo essere tutto, e tutti possiamo essere Nessuno.
    Alla fine (debbo dire che ho letto attentamente i tuoi post e con molto piacere) permettimi di dirti che non dici nulla di nuovo.. sono cose risapute non credi? Ripeto non sto qui a giudicarti puoi essere carne o pesce, reale o finto, non sono io a dover dire se devi continuare o meno a scrivere o portarci o meno delle prove.
    le ipotesi sostanzialmente sono due
    1) Sei Reale.
    2)Sei un Troll.

    Ipotesi 1 , è semplice dici ciò che sai ,che potrebbe anche nn essere la realtà assoluta visto che non credo che tu sappia con esattezza cosa succede nel mondo berlusconiano o gallianesco.. visto che tranne loro nessuno lo sa.
    Ipotesi 2.. qui nascono due "sottoipotesi"
    a) scegli di essere uno che vuole creare scompiglio... ossia segui la corrente negativa tipo (passamelo) Ruiu, dicendo che nessuno conosce i cinesi e bla bla bla
    b) scegli di essere positivo. i ciensi esistono, i cinesi hanno i soldi, i cinesi faranno un grande Milan etc etc.

    Vedi caro Hicks, per mesi la gente è andata appresso a tale "Pasquale Campopiano" io ci ho parlato (anche privatamente" su twitter.. sostanzialmente che è successo? gli arriva la soffiata il Milan puo' essere ceduto... gli arriva la soffiata dalla sorella che lavora (magari fa la segretaria) nello studio legale che seguiva Galatioto...
    Pasquale è credibile, pasquale fa il suo mestiere, pasquale diventa idolo e tutti lo seguono, Pasquale arriva addirittura a condurre una trasmissione sulla 7.
    Poi? poi succede che in realtà il Milan si (forse) viene ceduto, ma non a chi diceva lui, non con le cifre che diceva lui, noon con le quote che diceva lui.

    Ecco caro sig Hicks questo è il Web o forse il mondo... saper creare una magia dal nulla e portarla a proprio favore
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
  24. Scordavo!
    caro hicks, non voglio farti la guerra sia chiaro!
    la mia era/è semplicemente la volontà di esporre i miei dubbi su quello che dici.
    e credo che a parti invertite (poiche ti reputo molto intelligente) anche tu li avresti

    RispondiElimina
  25. Sono d'accordo su tutto quanto scrivi ora. Reticenze e o attacchi, dal momento in qui ho iniziato a scrivere erano da mettere in preventivo, in quanto il mio essere anomalo(insider) puo' portare a queste reazioni sul web..anche se sono stato scettico sui cinesi, non era nelle mie intenzioni essere negativo e basta, semmai l'intenzione è quella di metter in guardia dei sinceri tifosi entusiasti prima di sapere chi siano e cosa vogliano fare del milan e ripeto le notizie proveniente dalla cina non erano certo rassicuranti...oggi , con la notizia da verificare su TLC( sarebbe un segnale forte se veritiero) e quella di Maldini, cha carattere a parte, tra le tante cose che dice e che sono opinabili, fa un servizio a tutti noi: gli ha messo pepe sulla coda per stanarli!!!!
    Non dico niente di nuovo? forse, puo' essere...quello che posso cerco di comunicarlo...
    Hicks

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dal momento in QUI, spero tu non abbia una carica dirigenziale

      Elimina
  26. Hicks tu che sei dentro puoi spiegarci come de facto un essere immondo come gobbani si sia impossessato del Milan e perché la famiglia Bugiardoni glielo abbia lasciato fare?

    RispondiElimina
  27. Carissimo Hicks è un piacere seguirti e poter constatare che il nostro Milan può ancora risorgere, avendo al suo interno gente seria e capace, come te. Un abbraccio fratello.
    TS61

    RispondiElimina
  28. Caro Hicks, purtroppo è impossibile avaere una propria idea su quello che sta accadendo o è accaduto al Milan senza essere condizionati.
    Tutte le notizie arrivano da fonti "colluse" in un verso o nell'altro.
    i "negativisti" è ovvio che siano indottrinati dall'attuale dirigenza che cerca di salvare il posto, i "positivisti" invece sono i pennivendoli dei nuovi probabili padroni e dei vecchi che cercano di calmare le acque.
    La mia teoria si sposa con la tua se proprio vuoi saperlo.
    Questa storia non mi piace, mi puzza tremendamente, spero di sbagliarmi e che questi siano gli uomini piu' ricchi dell'universo e che in pochi giorni ci comprino messi.. ma credo nn sarà cosi.
    Io vedo reitegro di capitali nella migliore delle ipotesi.
    Nella peggiore la trovo una mera operazione finanziaria... compro un salmone dal pescatore.. 10 euro e lo rivendo a trance a 15 euro a fetta.
    Direte.. e cazzo ma hanno messo già 100 mln!
    Chi? chi ha messo cosa?
    anche io sto "ricomprando" casa dopo aver venduto la mia.
    incasso 225 mila euro e ne devo tirar fuori altri 235
    in sostanza è semplicemente un passaggio di denaro da una banca all'altra,un mutuo cessa di esistere per farne uno nuovo...
    non vedrò mai i 225 che incasso e mai avrò disponibili i 235 che devo spendere.. è solo un "pagherò"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quotone cmq questo imbalsamatore, non è essere "negativisti" questo è quello che si vede alla luce del sole,questo è quello che io definisco obbiettività.

      Elimina
  29. Questo è un quesito che solo dio sa( per chi ci crede)rispondere...quello che posso dire è che per anni ho cercato un interlocutore con cui condividere quello che stava accadendo...un interlocutore in comando che dovesse sapere, che il pelato si era fatto l'azienda nella azienda, in barba ai professionisti che vi lavorano, in barba ai tifosi, ed in barba del proprietario...ho tentato l'approccio a Barbara, ma, nella guerra intestina che si è infiammata per 2 anni, con tanto di spie, cimici, ricatti e quant'altro...quindi in un campo minato, non ho potuto non osservare che alla fine dei conti la signorina a cui era stata data la pistola,le erano state anche sottratte le pallottole dalla famiglia stessa: (ricordiamo 2 casi emblematici: tra lei e lui, soluzione finale = doppio amministratore, cosa che ha portato a quel punto a fucilare solo dei sottoposti incolpevoli e questione stadio, con Marina che ha chiuso i rubinetti di fininvest, anche per fare uno sgarro alla rivale di testamento)...a quel punto l'unico interlocutore era silvio....e personalmente, ho ed avevo modi per approcciarlo...ma quando vedi un presidente che va in uno spogliatoio a dire a Rami che lui è il nostro nuovo pirlo, che ci mette li inzaghi senza che codesto abbia il minimo background per stare in quel posto, quando vedi che si mette a rinnovare giocatori di cui manco sa cosa fanno..etcetcetc...capisci bene che hai un quadro clinico di degradamento senile...oltremodo barbara ha fatto sapere in mille modi che il gallianone ciurlava...ma evidentemente, per una ragione o per l'altra a silvio andava bene cosi'...palese no?..il perche'?...li si possono fare mille ipotesi...ma sarebbero ipotesi
    Hicks

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e ci risiamo. ecco che il buon Hicks riscrive la storia dell'ultimo milan facendo sparire il Gajani. e mi piacerebbe molto anche, farlo sparire. e forse ci siamo, forse arriva chi lo fa sparire davvero e per sempre. ma chissà poi per quanto tempo ancora dovremo sopportare i branchi di gajanidi, come jene affamate, fare la ronda intorno a milanello e Milan. chissà per quanto ancora. e non mi riferisco a Hicks ovviamente.

      Elimina
    2. Cazzo, quando inizio il discorso dicendo che il galliani si è fatto l'azienda nell'azienda, secondo te cossa sto facendo? lo sto facendo sparire?..mah...
      Hicks

      Elimina
  30. Uno dei tanti problemi del Milan degli ultimi anni è un continuo guardare al passato e il caso di Maldini ne è un altro chiaro esempio. Con tutto il rispetto che posso avere per Maldini, credo che debba fare molta esperienza prima di ricoprire ruoli importanti e prendere uno solo per fare la figurina di rappresentanza mi sembra inutile. Qui bisogna ricostruire da zero società e squadra, ci vuole gente capace e di esperienza che sappia guardare al futuro. Spero che la nuova proprietà lo capisca altrimenti rischiamo di fare la fine dell'Inter dopo gli anni '60, piena zeppa di ex campioni tra scrivanie e panchina con quasi nessun risultati in quarant'anni.
    Antonio D

    RispondiElimina
  31. Grazie Ts61, rossonero di tergeste...Imbalsamatore...siamo d'accordo su tutta la linea...stiamo vigili e con le antenne dritte..ora riprendo il lavoro, senno' a furia di star qua, mi trasformo in un blogger...
    Hicks

    RispondiElimina
  32. massimo rispetto per maldini che spero entri nel nuovo milan ma se così non fosse pace . Non è obbligatorio avere la bandiera e mi pare che la juve, a malincuore esempio assoluto di società moderna e gestita alla grande , ad esempio non abbia grandi ex in alcun ruolo chiave, nedved fa tipo il dirigente accompagnatore.

    RispondiElimina
  33. I Cinesi vogliono Maldini?
    Nn mi sorprende...pensano ai loro affari....Maldini ė un prodotto....un prodotto Ke si presta ad essere esibito e venduto alla grande, in attesa di quello ke sarà il futuro...
    Su Paolo una riflessione...
    Mi è piaciuto nelle sue dichiarazione il suo modo di approcciarsi alla questione di fondo...:
    IL PROGETTO !!!
    SE C'È NE SIA UNO, !
    QUALE SIA...
    KI INFINE NE SIA A CAPO....
    Come con Bee a suo tempo, ebbi a scrivere e ora parimenti lo riscrivo, solo ed esclusivamente ė il PROGETTO ad essere fondamentale...
    Se come allora si è vociferato con molto rumore di grancassa adesso con molta più cautela in sordina, il PROGETTO dovesse prendere corpo x dilatarsi e portare il Calcio a rivestire primaria importanza in Cina avendo il Milan come suo epicentro e punto cardine di riferimento allora potremmo sentirci tranquilli...
    Se Maldini nelle sue richieste è di questa sicurezza Ke ha bisogno ed è di questa chiarezza Ke necessita x lavorare 365 gg all'anno tutto il giorno e metterci la faccia allora sono perfettamente d'accordo con lui....
    La maglia del Milan nn è la sua seconda pelle ma bensì la sua vera pelle....lo ha detto no ????!!!!
    DEVE VENDERLA CARA !!!!
    X SE STESSO E TUTTI NOI
    KE LO VORREMMO ENTRARE IN QUESTO PROGETTO AVENDONE LE GARANZIE..LA SUA IN PRIMIS..
    Il suo ruolo può essere tecnico oltre ke di rappresentanza e nn credo ke il suo tornaconto in ambito di remunerazione sia importante.
    PARLIAMO DI MALDINI nn del LURIDO....
    Importanti sono i concetti Ke stanno alla base di quella Ke sarà la sua scelta...

    All'Imbalsamatore x cui ho molta stima dico,infine Ke se Hicks ha chiesto d'incontrarmi nella mia città invito ke ho dovuto declinare x gravi motivi familiari, tutto lascia supporre Ke sia veramente ki dice di essere....
    Il rischio sarebbe stato tutto e solo suo...
    Se ci saremmo potuti incontrare nn credi Ke sarei stato in grado di verificare de visu la sua attendibilità?
    Se nn si fosse presentato allora avrei qua postato Ke la sua defaillance suonava come trollaggine bella e buona...
    In ogni caso Ke abbia scelto me come suo interlocutore in questo senso mi ha fatto piacere....
    Io sono una persona Ke ha l'onore a base di ogni aspetto delle mie idee delle mie scelte e delle mie azioni...
    Penso Ke di questo a naso lui si sia fidato ed io di questo lo ringrazio....
    Mi auguro di conoscerlo magari in un altro momento, magari momento di un tempo migliore!
    A tutti i miei confratelli
    Buona Giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie OP49, di aver ricordato che ero e sono disposto a farlo, ma non per farmi accreditare su questo blog, solo per dare una conferma che sono reale e non millanto...l'avevo chiesto appunto a te ed a Vale..poi non è stato possibile..e si hai ragione, bastava poi che uno dei due, facesse il mio reale nome e cognome sul blog per perderlo il lavoro..ma ero e sono disposto a rischiare, poiche' ho fiducia di cio' che sono io e di alcune persone che scrivono qui...e comunque settimana prossima tizio & caio lo incontro
      Hicks

      Elimina
  34. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  35. SCUSATE ....MA CHI DI VOI HA ESPERIENZA PERSONALE NEL MONDO DEL CALCIO???? CHI DI VOI HA ESPERIENZA PERSONALE NEL MONDO DIRIGENZIALE DEL CALCIO???? CON QUALE CRITERIO POTETE STABILIRE CHE MALDINI NON AVREBBE LE CARTE IN REGOLA PER ASSUMERE UN INCARICO CHE GLI CONFERISCA POTERE DECISONALE????? MAH.....PERDONATEMI, MA SONO MOLTO PERPLESSO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che nessuno di noi abbia tale esperienza, ma se un giorno dovessi decidere di fare il dirigente calcistico dubito fortemente che inizierei dal Milan. Maldini potrebbe avere queste capacità, peccato che non le abbia mai mostrate da nessuna parte, aspettando quasi come diritto divino la chiamata del Milan. Penso sia ora di finirla con quest'idea che le bandiere debbano per forza essere grandi anche fuori dal campo e ottenere ruoli importanti solo per il nome che portano, quelli vanno guadagnati con la gavetta e se sei bravo, bentornato, se no serberemo lo splendido ricordo sul campo.
      Antonio D

      Elimina
    2. cazzo ma con voi la società italia ha fatto un lavoro spettacolare di inprinting: è riuscita a farvi credere che meritano solo gli anziani o quelli con molta esperienza sulle spalle e non i meritevoli.
      Complimenti, prima vi lamentate di Galliani (vecchio e molto esperto come dirigente) poi vi lamentate se Maldini (UN UOMO CON LE PALLE CHE NON HA NEPPURE VOLUTO SAPERE QUANTO FOSSE IL SUO COMPENSO!!!!) vuole più poteri che quelli di apparire solo come una bandiera!!
      AVETE IL MILAN CHE VI MERITATE!!!!!!!!!!!

      Elimina
    3. Scusa, ma quali sarebbero i meriti di Maldini a parte il fatto di essere stato un grande calciatore? Con quale diritto chiede "poteri" senza aver dimostrato di saper fare nulla fuori dal campo? Se hai letto qualche mio post e quelli della stra-grande maggioranza vedrai che nessuno difende o vuole ancora Galliani, proprio il contrario!
      Credo che in Italia si possano trovare dirigenti capaci anche giovani ma con esperienza su cui puntare, senza fossilizzarsi su personaggi dal passato glorioso ma per l'appunto passato.
      Antonio D

      Elimina
  36. Strano che i.cinesi non vogliano merdani
    Per il fine pensatore baluba è indispensabile

    RispondiElimina
  37. Un capitano mitologico, l’uomo delle 902 presenze in Serie A tra il 1985 e il 2009, impreziosite da 7 scudetti, 5 fra coppe dei Campioni e Champions League, 2 coppe Intercontinentali e un Mondiale per club ....esempio di lealtà ed attaccamento alla maglia( ha giocato sempre nel milan).....non sarebbe idoneo???? mah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul campo, Max, ma fuori? Perchè in questi anni non ha iniziato a fare il dirigente/allenatore o qualsiasi altro ruolo in una squadra piccola per dimostrare le sue qualità? Anche Rivera e Baresi erano mitologici in campo, ma fuori non hanno dimostrato le stesse qualità, per non parlare di tutti i famigerati ex della grande Inter e tremo a quello che potrebbe combinare uno come Totti alla Roma quando si ritirerà (a cinquant'anni o giù di li, tanto decide lui).
      Antonio D

      Elimina
    2. quoto antonio d ....
      per carità e me frega un cazzo Maldini o non maldini ... e sai perché max, perché non scende in campo lui , ma in campo scendono ameba mosciolivo e l Ebete abetella.
      può esserci anche il signor iddio in dirigenza o come direttore sportivo ma finché il capitano sarà lui è il suo vice l altro Maldini o non maldini cambia un cazzo !
      la nostra ossatura chi ci rappresenta in campo .... Non diventerà improvvisamente un giocatore di calcio solo perché è arrivato Maldini.
      Nedved alla rube conta zero quelli che fanno la differenza in campo sono Buffon Bonucci Barzagli, l'ossaturA e vera forza della rube almeno in Italia.

      Elimina
    3. Esatto, e per ricostruire in tempi brevi una società allo sfascio come la nostra ci vuole gente con esperienza che sappia come muoversi nell'ambiente, non una figurina di rappresentanza. non ho nessuna preclusione nei confronti di Maldini o di altre bandiere, ma prima di tornare devono acquisire esperienza e dimostrare capacità. Di nuovi Baresi a livello dirigenziale non ne voglio vedere dato che la sua parabola discendente mette solo tristezza per ciò che è stato.
      Antonio D

      Elimina
  38. Guarda Hicks, facciamo una cosa. Scusa per l'intervento a gamba tesa di ieri. Devi capirci: sono anni che sto blog è infestato dai peggio troll. Non so chi sei e alla fine avrei dovuto evitare di attaccarti in quella maniera: è che proprio non ne possiamo più e se leggi il blog da anni, sai cosa intendo. Purtroppo questo è un'altro dei simpatici esiti della decadenza berlusconiana nella sua declinazione rossonera. Facciamo così: permettimi di chiederti scusa. Io ti leggerò e anche se la tua fosse solo letteratura (il dubbio mi rimane) se non altro è letteratura interessante :).

    Ciao,
    Fede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le scuse ti fanno onore FEDERICO V( e oggi lo scrivo deliberatamente in maiuscolo) in quanto, non mi sbagliavo sull'intelligenza del personaggio che avevo avuto il piacere di leggere in passato.Comprendo cosa ti ha portato ad entrare cosi'.Io sonoun passionale , con le cose che mi interessano, e ci metto sempre la faccia, e ho il difetto pure io di scaldarmi e di essereignorante alla Gattuso..Detto cio' mi passa in un amen...quindi...grazie delle belle parole
      Hicks

      Elimina
  39. Esperienza come dirigente.
    Tutto sta nel capire qual'è il ruolo e cosa DOVREBBE DIRIGERE.
    Se dovesse dirigere il personale d'ufficio, conoscere mansioni, contratti di lavoro, diritti e doveri dei dipendenti, coordinare orari di lavoro, ferie e quant'altro di portieri, centralinisti, segretarie, contabili, addetti all'area marketing, se dovesse poi anche valutarne l'operato...etc...NON SAREBBE LA PERSONA GIUSTA NEMMENO TRA 10 ANNI.
    Ha detto cose giuste e sensate da persona innamorata del Milan.
    Ha detto che lavorerebbe incessantemente con tutte ls proprie forze ed energie.
    Ha detto che per fare questo pretende garanzia perché non si consegna la propria faccia e la propria vita A NESSUNO CHE NON SI STIMI E CHE NON ABBIA PIENA FIDUCIA IN TE.
    Se qualcuno vuole Maldini vome "figurina" da mettere in mostra, se lo scordi.
    Lui non vuole fare l'A.D. né vuole scavalcarlo. Vuole un rapporto diretto con la società per quelle che saranno le sue competenze.
    Fassone sarà amministratore, quindi potrà dire a Paolo ed alla proprietà: "abbiamo le risorse per assecondare la scelta di Paolo...oppure, no non le abbiamo, è necessario un intervento supplementare".
    Paolo vuole autonomia decisionale nel suo settore.
    Esperienza? Di chi di Leonardo? Cosa c'entra fondazione Milan e le onlus con i quadri dirigenziali tradizionali? Poi ha fatto l'allenatore (senza esperienza di gavetta), poi ha fatto il plenipotenziario dell'area tecnica al P.s.g.
    Cerchiamo di dettagliare qusli sarebbero queste funzioni: cosa fa il direttore tecnico? Cosa fa il direttore sportivo? In cosa Paolo non sarebbe capace (oltre che rispettato per la sua storia e persona?).
    Sarebbe capace o no nel riconoscere un giocatote valido da un brocco? Sarebbe capace o no di individuarlo adatto all'interno di un progetto tecnico? I metodi di allenamento sa riconoscerli o no? Le dinamiche di spogliatoio le conosce o no?

    Intanto si rassegnino gli amanti del gobbo.
    Se non mettete in dubbio anche questi 4 INCONTRI CON FASSONE la cosa significa: "gobbetto col tic per te non c'è spazio e sto chiamando il tuo nemico".
    Poi Paolo può venire o meno, adesso o tra 5 anni.
    Il suo AMORE E RISPETTO per il Milan la sua INTEGRITA' e SERIETA' me lo rendono tra le persone più stimate al mondo, nel mondo del calcio uno dei pochissimi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami Vale vorrei risponderti io.
      La premessa (d'obbligo) è che sono innamorato del Milan, contro Galliani e ho visto 3 finali di champions con la maglia di Paolo sulle spalle.
      Ho un profondo rispetto e ammirazione per il Paolo Maldini calciatore, amo la bandiera Paolo Maldini ho odiato chi ha cercato di profanare la sua festa d'addio solo perchè lui non si è mai "inginocchiato" al volere di delinquenti travestiti da ultras.
      Premesso questo ti dico un po di cose.
      Paolo nelle sue esperienze come "imprenditore" ha fallito, se nn erro ha ancora (o aveva) guai con la finanza.
      Paolo è un uomo molto simile a Galliani... nel senso che è un "decisionista" non ascolta pensa di avere sempre ragione, e lo si evince da quanto lui ha sempre detto e quanto ribadisce anche oggi "il mio unico interlocutore deve essere la proprietà".
      Permettimi Vale che il MALE del Milan nasce da qui... da quando si è abbandonata l'idea della collaborazione tra dirigenti staff tecnico e proprietà per arrivare ad una sorta di società feudale dove ci sono solo poche teste a comandare e lo fanno in barba ai consigli dei sottoposto.
      Paolo Maldini mi spiace ribadirlo ma è cosi... NON HA ESPERIENZA DEL SETTORE, il lavoro di un direttore tecnico e/o direttore sportivo riguarda la scelta dei giocatori, e a quanto vedo la strgrande maggioranza dei direttori sportivi ha esperienza limitata o nulla come giocatorei professionisti, mentre invece calcano campi (anche in terra battuta) da decenni alla ricerca di diamanti grezzi.
      Il mio sia chiaro non è un "no" è semplicemente un dubbio, sulle capacità manageriali di Maldini Paolo non abbiamo alcuna certezza , non sappiamo NULLA.
      Oggi se il Milan deve e vuole ripartire ha bisogno di certezze (infatti gia per questo trovo erronea la scelta di fassone e mirabelli) e non scommesse.
      Saluti!

      Elimina
    2. Breve chiarimento: Maldini è stato assolto su tutta la linea da tre anni. Era accusato di evasione fiscale.

      Elimina
    3. Breve chiarimento: Maldini è stato assolto su tutta la linea da tre anni. Era accusato di evasione fiscale.

      Elimina
  40. Egregio Hicks, Ricardo Rodriguez e Luiz Gustavo vorrebbero organizzare una festicciola per le loro famiglie e gli amichetti dei figli, potresti per cortesia sfornare due torte, due chili di tramezzini e tre dei pasticcini che tu sai, per dopodomani sera?
    Grazie in anticipo!

    P.S. Ho mandato una whatsappAta ad Edin per complimentarmi per domenica, mi ha risposto chiedendomi di salutarti caramente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbe' dai...così è pesante.
      Tra l'altro è disposto ad incontrare chiunque e lo ha proposto a diversi.
      Se uno non crede lavori per il Milan basta andare a vedere.
      Poi se quello che scrive sui cinesi sono sue supposizioni..ci sta pure.

      Elimina
    2. Pesante? Questo aborto di natura è uno dei mostruosi prodotti della cricca Interfans o Bausciacafe, li si riconosce dalla puzza di merda che esce dal monitor. Ma come cazzo si fa a farsi trollare da un interista spastico? Allora hanno ragione loro a chiamarci "gonzi"!
      Hicks,se ti prendo ti spedisco a Wolfsburg a calci in culo a sfornare il pane!

      Elimina
    3. Anonimo delle 13.06, non dimenticare di portarmi tua sorella alla festa
      Hicks

      Elimina
    4. Torna su Interfans, troll da due soldi. Puzzi di merda persino attraverso il monitor. Altro che dirigente di club calcistico, tu abiti ancora nella stanzetta che i tuoi genitori con cristiana pazienza ancora ti concedono, e ti fai le seghe sui poster del triplete di Mourinho.
      Ti darei due o tre sberle di quelle pesanti se ti incontrassi, ma non per cattiveria, solo per insegnarti a stare al mondo.

      Elimina
    5. come sono disposto ad incontrare persone in buona fede qua dentro...accolgo pure il tuo di invito...come e quando vuoi, tu ed io
      Hicks

      Elimina
    6. Fai sul serio, bamboccetto? Con una carezza ti mando all'ospedale, troll segaiolo e brufoloso. Porco di quello zio, ma vi annoiate così tanto sul fans, il bausciacafe e le altre fogne che avere creato?

      Solo il Milan attrae tanta attenzione dai segaioli avversari, sia nella buona che nella cattiva sorte, da non crederci!

      Elimina
    7. Ti ho gia' risposto....passa ai fatti
      Hicks

      Elimina
  41. Probabilmente Maldini non vuole fare il "dirigente" come Baresi del quale mi sfugge pure l'incarico che ha oltre quello di vicepresidente (carica onoraria).
    Paolo l'onore lo porta nel suo nome, non ha bisogno di una carica per affermarlo.
    Gli diano l'area tecnica e Mirabelli sottoposto a lui...perché la differenza tea i due ruoli non è che sia poi così chiara, infatti lui parla di ruoli sovrapposti.

    RispondiElimina
  42. CAPITOLO MALDINI: credo che dal punto di vista tecnico, abbia le capacità per capire le qualità dei giocatori (talento, tecnica, carisma, etc...), ciò che serve al tecnico. e credo lo possa fare meglio di chiunque altro; ha giocato contro i migliori del mondo e con i migliori del mondo, per 20 anni. Ha vissuto tutte le partite più importanti, ha carisma da vendere. Quindi capisco che sia perfetto per essere DT. Ma... non credete che per fare un dirigente, occorre anche essere un Manager? Uno che, insomma, sappia gestire i budget, i soldi, le realtà finanziarie? Su questo nutro seri dubbi.

    CAPITOLO HICKS: Ci dici come cazzo ci è finito Inzaghi sulla panchina della prima squadra? No, perchè proprio non capisco... ed è vero che Montolivo e Abate sono così importanti per Galliani? Non ti sembra che siano questi i drammi del Milan di oggi?

    Marco

    PS: Galliani vaffanculo (sempre)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se dovesse gestire le scelte sui giocatori, le scelte di spogliatoio, i progetti tecnici...ed anche i soldi, la finanza ed i bilanci...sarebbe un altro gajani, uno che fa tutto (alla cazzo di cane ma tutto).

      Elimina
    2. Inzaghi scelta condivisa tra galliani e silvio...al primo stava bene in quanto facilmente dirigibile, al secondo per il motivo del primo, perche' doveva risparmiare un po' visto che aveva pure seedorf da pagare e perche' pensava che il bel giuuuoco della primavera fosse riproponibile...abate e mono importanti per il pelato? bhe penso di si, ma sappi che in ogni club ci sono i giocatori utili al ds, al presidente e all'allenatore...a volte , magari, sono un cicinin migliori dei nostri 2
      Hicks

      Elimina
  43. Per me Maldini va benissimo, quello che non ho capito è cosa vorrebbe fare......
    La risposta più logica sarebbe che non è tanto il ruolo quello che x lui conta,ma il dubbio su chi siano i cinesi e se ci si possa fidare di loro !
    Morale della favola, se in un futuro "prossimo" dovesse accettare, sarebbe un ottimo segno !!!
    CM72

    RispondiElimina
  44. @Fede
    sai che cosa intendo.
    Io sono per la meritocrazia e permettetemi, ma a oggi Maldini non ha alcun curriculum nel settore per poter dire
    "io voglio avere carta bianca"
    è incoerente.
    leggi qui
    http://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Milan/17-03-2014/milan-maldini-galliani-barbara-distrutto-seedorf-80257368590.shtml

    tra le righe (giustamente) fa capire che il problema è che nel Milan manca una "struttura" e la "struttura" si forma su persone che collaborano e non su chi vuole fare tutto di testa sua.. e lo dice lui stesso oggi alla gazza
    ecco lo stralcio
    "Ci sono due ostacoli evidenti: la mancanza di una responsabilità diretta nell’area tecnica e la scarsa chiarezza sul ruolo. Mi hanno prospettato una struttura con Fassone a.d., io direttore tecnico e Mirabelli direttore sportivo. Ma il punto è: cosa farò? Io e Mirabelli dovremmo gestire la parte sportiva, ma se c’è una differenza di vedute chi decide? Non posso avere un ruolo a metà con un’altra persona. Mi sembra inevitabile affrontare subito il problema. Non voglio giudicare chi non conosco, ma pretendo una condivisione del progetto sportivo che a oggi non c’è. Quindi ho chiesto di conoscere la proprietà, di sentirmi dire direttamente da loro cosa si aspettano da me, di vedere che condividono con me il loro progetto. Il mio ruolo? So solo che con me ci sarebbero Fassone e Mirabelli. Ma allo stato attuale i ruoli rischiano di sovrapporsi su tante cose. Troppe."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Imbalsamatore... per me Paolo è un pezzo di cuore e dunque con lui non sono obiettivo. Se dirà sì all'offerta di Fassone sarò molto felice, se dirà no comunque la vita va avanti. E' più importante che prendano un paio di bravi centrocampisti :).

      Detto questo, prima di tutto sono intervenuto per fare chiarezza sul discorso dei guai giudiziari risolti da tempo e dunque non li tiriamo più fuori (è un argomento che veniva spesso usato e a sproposito dai delinquenti curvaioli di cui sopra in un'altra nostra vita rossonera se ti ricordi). Poi, per me il discorso di Maldini è questo:

      - Mi hanno cercato perché la mia immagine coprirebbe da sola tutte le perplessità sull'operazione e i dubbi sulla serietà degli acquirenti. Se ci metto la faccia voglio essere sicuro che non si tratti di una banda di cialtroni o anche di peggio (Silvio che fa rientrare il nero per coprire il testamento...). Non presto la mia onestà a operazioni opache di finanza o altro.
      - Mi hanno cercato sapendo bene che non sono interessato a un ruolo di rappresentanza e che (giusto o sbagliato) voglio avere potere decisionale. La richiesta è legittima anche in questo caso: la differenza è tra ruolo di rappresentanza istituzionale e ruolo operativo. Se sei un operativo, devi avere delle deleghe operative e non è una questione di arroganza.
      - Avete già preso Mirabelli che ha deleghe tecniche molto amplie e precise: io e Mirabelli non ci conosciamo, non abbiamo mai lavorato insieme, non abbiamo lo stesso sentire sul Milan per forza di cose. Come ci muoviamo se non siamo d'accordo? Chi decide? Fassone? Ma Fassone ha scelto Mirabelli e ci ha già lavorato insieme. E' evidente che tra i due ci sarà sempre condivisione e io finirò per essere un'anatra zoppa.

      Con questo ho finito di interpretare il pensiero di Paolo. Il punto a mio avviso è il seguente: se credi che Paolo sia un valore aggiunto per la dirigenza del Milan come è stato un Rui Costa al Benfica o Romenigge al Bayern, allora ci investi e gli dai la possibilità di operare e di circondarsi di persone di sua fiducia. Sennò, risparmiati il tempo e non chiamarlo. Se lo chiami solo per coprirti con l'opinione pubblica del Milan che giustamente ha qualche perplessità verso una proprietà sconosciuta/fumosa e una dirigenza composta interamente da ex Inter hai sbagliato persona.

      Esperienza... ok l'esperienza è importante ma quando è negativa cosa dobbiamo dire? Perché diciamolo, Fassone era a spasso perché ha sempre fallito da dirigente. Parliamo di gente che ha pagato Kondocoso 40 milioni e via dicendo... Esperienza: quella di Fassone e Mirabelli a livello medio/top club sono tutte negative e Mirabelli ha pure risvolti moooolto opachi nella sua reggenza al Cosenza se la vogliamo dire tutta... e mi fermo per carità di patria.

      Poi saranno i risultati a parlare ma a mio avviso la posizione di Paolo è trasparente, corretta, legittima, cristallina e pure recoaro :). Poi, ripeto, se dice di no la vita va avanti. Fassone scelga persone di sua fiducia e vediamo cosa combina nei prossimi 2/3 anni.

      Elimina
    2. in tutto e x tutto d'accordo

      Elimina
    3. Perfetto, il nocciolo della questione è proprio questo, lui vuole dire proprio quello, se io sono il responsabile dell'area tecnica devo poter scegliere anche i miei "sottoposti", se invece il sottoposto è stato già scelto prima di me è evidente che non sarò mai io ad avere l'ultima parola, specie se Mirabelli e Fassone hanno già lavorato insieme. Questo è legittimo che lui lo pensi e che non gli stia bene, come è altrettanto legittimo che la nuova proprietà si scelga i suoi uomini e stabilisca l'organigramma della società, e in questo senso il comunicato di oggi di Sino Europe che ufficializza Mirabelli pare proprio una risposta alle parole di Maldini, cioè come a dire comandiamo noi e noi decidiamo.

      Elimina
  45. questo blog si sta incartando. il sesso degli angeli è molto più divertente. siete labirintici o cosa? va bè lasciamo perdere.
    se lo mettono tutti lo metto anch'io, il mio parerino sulla faccenda maldini che non volevo mettere. a me maldini m'interessa se entra nel milan, se non ci entra sono affari suoi e degli affari suoi non me ne importa un fico.
    per il resto ok sarà un'operazione finanziaria, pura metafisica bancaria e girotondo di capitali veri o fiat e qui siamo tutti molto molto molto intelligenti e nessuno può prenderci per il naso nè per le orecchie. labirintismo e noia.
    come scommettere senza metterci una lira. chi sostiene certe tesi dovrebbe metterci sopra un pacco di soldi. metti il tuo soldo dov'è la tua bocca, dicono nelle meriche. ma tanti e poi vediamo chi ce li mette e chi no. ma tanti.
    a proposito di maldini o altri c'è da dire che la barriera di fango costruita in questi giorni intorno al nuovo milan sta dando i frutti che doveva dare. pazienza e coraggio, Fassone. coraggio e pazienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora metto la mia, di ipotesi romanzesca. che mi gira nella testa da mesi e pure anni, da quando s'è cominciato a parlare di vendita. siccome i megacervelli di questo blog e di altri ripetono in tutte le salse l'ipotesi del labirinto magico finananziario con rientro di capitali, e relativi appelli e invocazioni alla gdf eccetera, nel più puro stile mooncake.
      la mia ipotesi, che a pensarci tempo fa mi riempiva di sgomento e raccapriccio, a intravederne la difficoltà e quasi terribilità, sarebbe in poche parole questa.
      se il gran problema di berlusca in questi anni, se il suo gran tormento, se il muro alto e profondo (di merda sedimentata e solidificata nel corso dei decenni) che ha dovuto pensare di scavalcare, nel tenere e poi nel vendere il suo Milan, non sia stato semplicemente questo: come, come cazzo, come diavolo e come cribbio fare, a chi cazzo, a chi diavolo, a chi cribbio vendere, in quali mani mettere il mio Milan, mani che liberino sicuramente, infallibilmente, definitivamente il mio Milan dalla peste e gramigna e maffia gajanica?
      voi pensatene quel che vi pare, la mia ipotesi, relativa alle difficoltà della vendita Milan, è questa, è sempre stata questa.

      Elimina
    2. e non c'è insider, fosse anche confalonieri in persona, a cui berlusconi confesserà mai questa cosa.

      Elimina
  46. curioso come la gazza segue le peripezie di carletto bavarese. non c'è giorno senza carletto. carletto che parla di questo e di quello. carletto che beve una tanica di birra, carletto che si fruga il naso, carletto e il bayern, il bayern e carletto, il passato di carletto, il futuro di carletto.
    possibile che un carletto abbia tutte queste cose da dire? possibile che sia così bello, interessante, indispensabile da non poterne stare senza, un giornalone come la gobbogazza, praticamente la versione evoluta, intelligente, del ciclostile del bar di vinovo?
    è stalking? fishing? petting? (è paura)

    RispondiElimina
  47. CAPITOLO MALDINI:se accetta di far parte del "Milan cinese" possiamo stare tranquilli che il loro progetto è solido e quindi evviva. Se non dovesse accettare possiamo cominciare a dubitare della reale consistenza di questi investitori. CAPITOLO HICKS:dici che in un club "normale" il tuo ruolo sarebbe molto importante .nel Milan attuale il ruolo di ds (che appunto in un club normale è molto importante) è solo di facciata quindi..... non sarai mica Majorino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non sono majorino, e fiero di non esserlo
      Hicks

      Elimina
    2. dai su....
      vi immaginate il raccapriccio se a incontro avvenuto mi fossi trovato difronte Majorino...ki ??
      Nn scherziamo, quello sarà pure un beota, ma nn tanto da rischiare ke il mio schifato stupore si potesse tramutare in furia semiomicida...
      Ano delle 17:06, io di certo nn sono un troll e a prestarmi al giochino di qualke scemo bauscia nn ci penso neppure...vedo ke nn hai replicato...se nn avessi tante grane quell'incontro ci sarebbe stato, io ci sarei stato......
      ci sarei andato pockeristicamente parlando, su un over anke se avessi avuto in mano una infima coppia o anke un "giardinetto"

      Elimina
    3. ahahahahah, vero OP49, ma di sicuro ci sara' occasione...giro come una trottola e dalle tue parti ci passo spesso...Zagabria e Ljubljana e rjeka sono luoghi calcisticamente interessanti
      Hicks

      Elimina
  48. Ciuf ciuf ciuf ciuf oggi ricorre il centenario dell'inaugurazione della trams siberiana, 9000 km di ferrovia che tocca molti stati, costruita in 26 anni, praticamente prima della SAlerno-Reggio C.
    Bene chiariamo subito una cosa : non si azzardassero i soliti noti a tentare di salirci, anzi sotto sotto spero di si ah ah ah ah, perchè vengono subito riconosciuti ed abbandonati nella sterpa siberiana a -60 gradi temperatura tanto gradita al pagliaccio di Trieste........
    il capostazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendi un treno...coglione...
      Vai a Trieste e vediamo se e quanto il pagliaccio in questione ti fa ridere....
      Ma sei un vigliacco e nn lo farai ....

      Elimina
  49. personalmente maldini si o maldini no per me non fa alcuna differenza forse la fara come appeal della squadra nei gala e negli appuntamenti formali ma il problema è che non scende in campo lui , ma in campo scendono ameba mosciolivo e l Ebete abetella.
    può esserci anche il signor iddio in dirigenza o come direttore sportivo ma finché il capitano sarà lui è il suo vice l altro Maldini o non maldini cambia un cazzo !
    la nostra ossatura , chi ci rappresenta in campo .... Non diventerà improvvisamente un giocatore di calcio solo perché è arrivato Maldini.
    Nedved alla rube conta zero quelli che fanno la differenza in campo sono Buffon Bonucci Barzagli, l'ossaturA e vera forza della rube almeno in Italia.

    RispondiElimina
  50. il closing impone un NDA per cui le domande corrette e legittime di Paolo non potranno risolversi con assoluta certezza prima di quella data (di certo il pelato e silvio non offriranno conferme), gli verranno fornite notizie e indizi che dovranno bastare, lui Paolo dovrà invece aggiungere un piccolo atto di fede, altrimenti perderà il treno. Carpe diem, Carpe diem Paolo! gigino

    RispondiElimina
  51. Maldini non è stupido, tra le righe dice solo: non scegliete me come specchietto per le allodole, se vi serve una figura milanista per imbonire i tifosi e voi fate sporcherie..... mi spiace non mi presto. su tutto questo ha perfettamente ragione. per quanto riguarda il ruolo specifico credo che siano cose di poco conto. a mio avviso una società se non riferita a persona univoca che si occupa solo di calcio dovrebbe avere le seguenti figure con ruoli ben definiti: Amministratore Delegato che come dice il nome si occupa dell'amministrazione a 360 gradi sportiva e non dell'azienda. lui dovrà avere un'area commerciale con relativo responsabile di marketing e un'area tecnica con relativo direttore tecnico. Direttore tecnico, unico rensponsabile della parte tecnica di tutta la società dal settore giovanile alla prima squadra si avvale di collaboratori in seno al settore giovanile e primavera e di collaboratori a livello di prima squadra tra cui il direttore sportivo che deve essere guidato in base alle sue decisioni (deve indirizzarlo a cercare quei giocatori di cui la squadra è carente e/o il settore giovanile non ha al momento per girare in prima squadra) e il team manager che praticamente organizza tutta l'attività della prima squadra (spostamenti, problemi individuali problemi di gruppo ecc....). Noi attualmente abbiamo come Ad Fassone, ci manca il dt che potrebbe essere Paolo che ha sotto di lui nel settore giovanile Bianchessi e in prima squadra come ds Mirabelli e come TM spero Ambrosini.

    RispondiElimina
  52. La matassa non si sbroglierà prima di settimana prossima, ed è molto intricata, perchè il buon Paolino vuole determinate garanzie e non solo quelle che scrivono i giornali. Conoscenze milanesi del Fattu indicano diverse problematiche, risolvibili, ma alquanto complesse.
    Crisalide 84

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tra le quali in primo piano le dimensioni quantità e collocazione strategica degli specchi in milanello e ovunque passi lui.
      devono essere minimo di mt. 2x2, incorniciati in oro barocco non del tutto farlocco, e tanti, ovunque, anche ai soffitti e sui pavimenti. un certo numero mobili, su rotelle, pattini, sci.
      3 volanti, gestiti da droni intelligenti.

      Elimina
  53. Esatto cris esatto, è tra l'altro occhio al ritorno in gioco del dottor galliani, che a maldini a livello dirigenziale gli piscia in testa

    Paul 86

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noi invece vi vorremmo sommersi da tonnellate di merda....
      quella con cui il vs adorato lurido crapula imbunisce i cessi !

      Elimina
  54. Adesso non parlo più di Paolo ma di quello che questa vicenda suggerisce.

    CAPITOLO RIENTRO CAPITALI.
    E se Paolo avesse accettato? Fai rientrare capitali, quindi resti sempre in sella in qualche modo, poi con una scusa elimini i "presunti" investitori e ti tieni dentro quello "che ormai ha altre occupazioni in America"? La proposta c'è stata, QUATTRO INCONTRI pure (a meno che non vogliamo dare del cazzaro a Maldini). Resta il dubbio (?) sulla consistenza del gruppo, ma rientro di capitali con operazione architettata dall'immortale, mi sembra un po' più improbabile.

    CAPITOLO CINESI-PEZZENTI

    ROMA - The Creative Life è il nome che spalanca la porta dei sogni, lo slogan perfetto per il Milan del Dragone. L'acronimo è TCL Corporation, colosso cinese dell'elettronica: è il terzo produttore al mondo di televisori dietro Samsung e Sony ed è uno dei nove-dieci nomi che compongono la lista degli investitori cinesi che confluiranno nella Sino Sports Europe di Yonghong Li e Han Li, i futuri proprietari del Milan. Patrimonio stimato da 7 miliardi di dollari (fonte Forbes), fatturato da 16 miliardi, mercato in totale espansione, TCL in Europa ha esteso la sua "longa mano" elettronica in Francia e in Spagna; in Italia (altro indizio che potrebbe confermare il suo coinvolgimento nell'acquisto del Milan) non ha ancora investito.

    Milan in 4K: c'è anche TCL, colosso dell'elettronica, tra gli acquirenti cinesi
    TUTTO SUL MILAN AI CINESI

    LEADER IN CINA - Multinazionale leader nelle comunicazioni, nel multimedia e nell'elettronica, nata a Huizhou nel Guangdong nel 1981, TCL è un'azienda ibrida, pubblica ma partecipata da investitori ad Hong Kong. Dal 2005 ha investito anche nel mercato della telefonia mobile grazie alla join venture con Alcatel: 71mila impiegati suddivisi in 78 paesi, 18 centri di ricerca e sviluppo, 20 principali siti produttivi e più di 40 uffici commerciali in tutto il mondo, TCL è fra le prime tre imprese cinesi per il numero di brevetti di invenzione, ha stretto accordi con Microsoft, Intel, Ikea, HP e vede Hollywood dal teatro cinese Grauman comprato nel 2013. TCL è un colosso diviso in tre branche: TCL corporation che è quotata alla Borsa-valori di Shenzhen è la branca dell'azienda interessata all'acquisto del Milan; TCL Multimedia Technology Holdings e TCL Communication Technology Holdings, sono le altre due quotate alla borsa di Hong Kong. Tycoon indiscusso dell'intero colosso è Li Dongsheng (un altro mister Li), 59 anni, un vero e proprio guru dell'elettronica cinese (per il China Business Journal nel 2014 è stata la figura economica più importante della Repubblica Popolare).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha ragione il capostazione, sei più logorroico di dieci suocere messe assieme.

      Elimina
    2. grande Vale. il capostazione, per una volta, ha torto. ciuf ciuf.

      Elimina
    3. Il capostazione lo deve prendere nel culone...schifoso imbecille ignorantone...
      È SOLO UN COGLIONE !

      Elimina
  55. domenica 16 ottobre ore 20,45 CHIEVO- MILAN scontro diretto per i posti al vertice.

    RispondiElimina
  56. Buona serata a tutti!
    Grazie a Maldini per aver tentato di stanare gli acquirenti.
    L'ultimo comunicato ufficiale di SESIM, ufficializzando l'incarico di Mirabelli, però, mi suona già come un grazie e arrivederci a Paolo.Poi , magari, mi sbaglio.
    Teniamo le antenne dritte e sediamoci sulla riva del Naviglio Pavese....
    Sconx18

    RispondiElimina
  57. Scusate se mi intrometto nella discussione, peraltro interessantissima sul nostro Paolo Maldini e sui vari punti di vista, che si sono palesati quest'oggi. Hicks mi pare una persona sincera e mi fa tanto piacere sapere, che ci sono ancora nel Milan delle persone che non si piegano e che lavorano per bene del Milan. Spero veramente di cuore che i Cinesi sappiano vederci chiaro su chi merita e chi no. La posizione di Maldini è chiara e per quanto riesco a leggere la trovo pienamente condivisibile. Lui è un campione unico dal palmares unico, ancora oggi famoso in tutto il mondo e come tale prima di accettare un incarico al Milan, vuole avere la certezza per gli obiettivi da raggiungere ed i ruoli chiaramente delineati. Tutto questo è ovvio e pienamente condivisibile. Spero riescano a convincerlo. La sua presenza, sarebbe più che salutare al Milan, anche per gli stessi giocatori, titolari e non ...
    TS61






    RispondiElimina
  58. sconx che mirabelli sarebbe stato il nuovo ds lo sapevano tutti maldini stesso quindi non vedo il nesso..
    semplicemente da pochi giorni si è liberato dall'inter

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, era solo da ufficializzare...ma la tempistica del comunicato -uno dei rarissimi comunicati ufficiali, tra l'altro- mi lascia perplesso.... boh!!
      Meglio pensare al Chievo, come il saggio Max67 et astenenda commenta
      Sconx18

      Elimina
  59. Siete proprio un branco di ritardari, maldini non ha esperienza, maldini di qua, maldini di la, ma vi chiedo, per scegliere giocatori forti bisogna avere esperienza??? No cazzo,maldini sarebbe la garanzia che in campo scenderebbero solo giocatori da milan. Cmq alcuni di voi mi preoccupano,una capatina dalla psicologo sarebbe necessaria.
    Lui si occuperebbe solo della
    Parte tecnica, no sarà lui che dovra far tornare i conti della azienda,non sapete proprio un cazzo di come funziona una società sportiva, il boss stanzia un budget, e poi starà a chi di dovere acquistare giocatori, e adesso venite a dire che a maldini serve esperienza per capire se uno è forte o una pippa. Fateva curare oltretutto non capite neanchequ quello che leggete

    RispondiElimina
  60. Per scegliere giocatori forti servono soldi. Io non so come è abituato Paolo, ma il lavoro me lo sono conquistato. Non son partito andando dai colossi a dire "si fa così"..

    RispondiElimina
  61. Un altro da far curare. Leggi quello che dice nell intervista, ma ci vuole tanto a capire. Ammazza che popolo di ignoranti

    RispondiElimina
  62. MILAN
    Dalla Spagna: Milan, il Valencia offre 10 milioni per Montolivo
    di GazzaMercato, 05/10/2016, 17:42

    Prandelli, lo voglio, voglio Monto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vendere subito!
      Se non lo fanno vuol dire che la notizia è falsa.
      E' un assist da non lasciarsi sfuggire.

      Elimina
    2. scatenatevi!

      Elimina
    3. è la volta che critica mi banna davvero, le ho bruciato lo scoop. da 2 ore che stava preparandoci il prossimo post (in tutto, le solite 2 righe delle sue).

      Elimina
    4. mo magari ..... lo vendessero .....maledetti
      .... invece diranno visto non è poi così scarso se ce lo chiedono pure all' estero.... maledetti

      Elimina
  63. Galliani SUCAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

    RispondiElimina
  64. Scusate ma se i cinesi non esistono e non hanno i soldi Fassone e mirabelli per chi minchia lavorano???

    LOL

    RispondiElimina
  65. Strano che i cinesi non cerchino Galliani e maiolino

    LOL

    RispondiElimina
  66. aspettare per credere, closing in anticipo con notizie interessanti

    RispondiElimina
  67. un po' mi dispiace, e parlo per me, trovo poco giusto parlare di cose di cui si sa poco e niente. però bisogna anche buttarsi. rischiare, sbagliare, provare. essere troppo precisini, voler prevedere tutto, un cuscino per ogni centimetro di pelle, non è così che funziona nella realtà. le ferite fanno l'uomo. le cicatrici. essere così giovane ancora. poi quando sei dentro (nel tuo milan!) vedi com'è, come va o non va. puoi salire, puoi scendere o uscire. rischia di perdere un treno importante, il nostro (di noi tifosi) maldini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paolo carpe diem, gigino

      Elimina
  68. Notizie interessanti di cosa?

    RispondiElimina
  69. Su Maldini ho commentato ieri e oggi, x il momento basta, aspetto e poi giudicherò......
    Sui cinesi, come detto, non commenterò fino a quando non ci saranno comunicati ufficiali o addirittura il closing. Un commento di oggi diceva: sembra di discutere sul sesso degli angeli......visto l'andamento delle cose, mi trovo d'accordo con chi l'ha scritto !

    Detto questo, sono felicissimo di constatare che c'è stato un aumento esponenziale dei commenti giornalieri !! BENISSIMO !

    PS Scusa Vale, ieri non ho avuto tempo x risponderti ! UN ABBRACCIO FRATELLO !!

    RispondiElimina
  70. Hicks, ci vuole poco a smascherarti o a dimostrare che sei chi dici di essere, due domande facile la cui risposta non si trova su google:
    1\Come si chiama l'ex numero uno del progetto Milan Junior? Cosa fa adesso?
    2\Tra i sales, c'è una persona che conta molto ed è amicone di tutti, come si chiama?

    Unochesa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahah, e poi? comunque stefano baldini, ed erminio....la prossima cos' è? quanti chicchi di caffe' ci sono in una busta da kg?
      Hicks

      Elimina
    2. anche se per un certo periodo oltre baldini è stato anche Zanoli

      Elimina
  71. la lista degli investitori sarà interesante, un nome in particolare

    RispondiElimina
  72. Ma merdani in quale top club andrà?

    RispondiElimina
  73. Saper scovare un calciatore è un'arte, è un lavoro artigianale, nonostante la tecnologia imperi e i match analyst siano di moda. Essere stato un calciatore puo' aiutarti, ma non significa niente...in 20 anni in giro per il mondo ho visto tanti di quegli ex calciatori scambiare mele per pere...cosi' come ne ho visti tanti imparare e migliorarsi nel tempo...la difficolta' piu' grande di un ex grande calciatore e ' resettare e ricomnciare da 0...o quasi, poiche' gli ex calciatori hano sempre un po' di vantaggio su di noi comuni mortali.
    Ho sentito qua commentare che essendo stato un gran calciatore, non è possibile che non sappia riconoscere i calciatori...sbagliato...saper scovare un calciatore ha a che fare con l'empatia, con la curiosita', con la focalizzazione, con la capacita' di stare soli per giorni in un buco del culo polveroso del mondo in attesa come un cacciatore.Significa sapere che se vai in Colombia, a Bogota' trovera un cazzo poiche' faticano a bocccheggiare a 3000 mt, a Barranquilla ne troverai di molto tecnici, ma che stando in pieno Caribe a 40 gradi tutto l'anno al 90% spendera' i suoi 40 dollari in tequila danzando fino alle 3 del mattino, mentre se invece vai tra le provincie di Cali e Medellin troverai una delle razze piu' atletiche del pianeta tutta fibra bianca, sprinter puri. Ma bisogna anche sapere, che quando li porti qua, la famiglia allargata ( ce l'hanno sempre) comincera' a chiedergli denaro, e alla prima volta che non glieli mandano, cominceranno a fargli riti di macumba, che possono anche sembrare a noi barzellette fuori del tempo, ma che il calciatore in questione vi credera' e passera' lunghi momenti di depressione e paura...quando vai a pescare un ragazzo in Francia, devi sapere che ti chiameranno 47 agenti, tutti zii, e che il ragazzo dovra' compiere sforzi immani per staccarsene...se vuoi cuore e palle, vai nei paesi baschi o uruguay, se vuoi tecnica pura, in andalusia etc etc etc...ora non entro nel merito del discorso di Paolo che conosco troppo poco, per potermi esprimere, ma voglio solo dire che scovare talenti è tutto fuorche' una cosa scontata per un ex calciatore
    Poi è ovvio che Maldini se entrera' fara' il manager, e non l'osservatore...ma ripeto, saperli scovare i talenti è un'altra storia
    Hicks
    Hicks

    RispondiElimina
  74. Scusa perché amico mio? Questo è un contenitore, quando si ha tempo si scrive.
    Vedo amici che scrivono decine e decine di righe ed io leggo tutto con piacere, poi se lo faccio io sono logorroico più di dieci suocere...ahahahah a me ne è bastata una!
    Anche a me la tempistica del comunicato su Mirabelli ha dato la sensazione che sia una risposta alle incertezze di Paolo.
    Per me resterà comunque uno dei più grandi si sempre, quello che ha detto è di uno che ama il Milan, come noi, più di noi, questo lo rende ancora più grande, non so se Marco Van Basten o Sheva direbbero mai quelle cose (senza mettere in discusione il loro legame ai nostri colori). Su calciomercato.com qualcuno mette in mezzo il papà Cesare, non scadiamo nella retorica, deciderà per come si sente e lo farà per quello che percepisce come un bene per il Milan. Lui sa che una figura simbolo, come lui è per tutti noi, ridotta a comprimario senza spessore NON SAREBBE IL BENE DEL MILAN.
    Per dire, Inzaghi prima di accettare non si è preoccupato del progetto, si è visto che fine ha fatto anche nella considerazione di tutti noi, una macchia nella sua storia al Milan, mi spiace per esempio in questo senso anche per Baresi, in campo grande come Paolo, in società non capisco che ruolo abbia ed il non saperlo fa male alla storia del Milan.

    RispondiElimina
  75. Vale fatti un bidet prima di parlare di Baresi.

    RispondiElimina
  76. Hicks, quello che tu descrivi è tipico del compito degli osservatori che girano il mondo per scovare talenti, ho la sensazione che è quello di cui ti occupi, magari sei quello che li coordina. Però ti chiedo: secondo te Paolo avrebbe individuato il giusto profilo (anche tra i giocatori conosciuti) per il nostro centrocampo? Parlando con il tecnico di turno e conoscendo il modulo che vuole adottare, sarebbe in grado di scegliere gli uomini giusti per il giusto ruolo? Avrebbe consigliato (o preso) Vangioni e Gomez? Sarebbe consapevole delle differenza tra un Lapadula che fa 30 gol in B e lo stesso che guida l'attacco del Milan?
    Collegialità nelle decisioni può essere una buona cosa, ma forse l'alzata di scudi di Costacurta ed Albertini sia conseguenza del fatto che vedevano incarichi dati ad altri che volevano ricoprire loro e tra loro la sintonia sarebbe stata agevolata. "io non sono interista" può voler significare questo.

    RispondiElimina
  77. Cosa non ti torna di quanto ho scritto su Baresi? Per me a livello di Rivera e Maldini. Tu lo sai di cosa si occupa in societa? Dimmi di preciso cosa fa e poi vai a nanna.

    RispondiElimina
  78. Io mi occupo e mi sono sempre occupate di svariate cose...quello che ho descritto non è un compito , ma un breve racconto di un viaggiatore con la barba bianca.
    Non so realmente risponderti poiche' non conosco Paolo per potermi esprimere...ho fatto si e no 2 chiaccherate con lui in 20 anni e non di calciatori.
    Ti dico solo che un altro grande ex, poi allenatore, non ne conosceva mezzo, ma quello non è il problema, molti allenatori non li conoscono e non sono tenuti a farlo, il problema semmai e' pensare di conoscerli da parte loro . ci sono altri ruoli per quello...in questo senso il Serbo aveva un' umilta' mai vista nel sedersi ed ascoltare come un bambino cuoioso.Gli esempi sudamericani della campagna acquisti passata sono un'altra cosa, non sono frutto di un'opera di scouting, ma di una rapina camuffata.Bisogna avere idee, produrre idee e saperle realizzare.Questo conta
    Hicks

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la barba bianca può essere un indizio stai attento

      Elimina
    2. Stanotte mi faccio i colpi di sole allora..
      Hicks

      Elimina
  79. Dybala ha detto, riferendosi ad Higuain, che quando lui gesticolava un po' insofferente verso i compagni, rientrando nello spogliatoio qualcuno gli ha detto "QUI NON SI FA". In attesa di avere giocatori di personalità e di spessore nello spogliatoio, potrebbe essere uno come lui a dire quale deve essere il comportamento al Milan. Le teste pazze al Milan sono esplose dal 2012. I dirigenti dettano il clima e non solo nel calcio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che hai appena espresso è fondamentale:il vento che bisogna ricreare per far muovere la giostra
      Hicks

      Elimina
  80. Certo Vale, comunque rinnovo l'abbraccio, che meriti e non preoccuparti di tutto il resto!!! leggere i tuoi commenti è sempre un piacere....
    Hicks, è molto interessante quello che racconti ! Però, x quello che scrivi e x come ti poni, devi mettere in preventivo una SANA ventata di scetticismo...
    È così..
    Buonanotte a tutti
    CM72

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si dai, ci sta...
      Notte
      Hicks

      Elimina
    2. Hicks è quello che è stato in Colombia a prendere Vergara!

      Elimina

Abbiamo riaperto i commenti!
Attenzione: chi scrive commenti è automaticamente tracciato dal sistema (informazioni non a disposizione dei curatori) ed è quindi totalmente responsabile di quanto scrive.





FEED


Scrivi Email - Nei tuoi preferiti


IL LIBRO DI CRITICA ROSSONERA
DA CALCIOPOLI AD ATENE dove oltre ai post sono contenuti molti dei commenti significativi, per rivivere un anno particolare della storia del Milan.
E' GRATIS!


Post più popolari